Antica mummia trovata sepolta in uno strano bozzolo mai visto dagli archeologi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

a scoperta ha sorpreso gli archeologi, che non si aspettavano di trovare il defunto racchiuso in un guscio di fango indurito

Uno strano bozzolo, un guscio di fango avvolgeva una mummia risalente all’antico Egitto. La scoperta ha sorpreso gli archeologi, che non si aspettavano di trovare il defunto racchiuso in un guscio di fango indurito.

Per gli autori si tratta di una scoperta impareggiabile che riguarda

“un trattamento mortuario non precedentemente documentato nella documentazione archeologica egiziana”, hanno scritto i ricercatori nello studio, pubblicato sulla rivista  PLOS One .

Come molte antiche mummie egizie, la “mummia di fango” e la sua bara con coperchio furono acquistate nel 1800 da un collezionista occidentale, in questo caso Sir Charles Nicholson, un politico inglese-australiano che le portò in Australia. In un secondo momento, Nicholson le donò all’Università di Sydney nel 1860 e oggi sono conservate presso il Chau Chak Wing Museum dell’Università. Ma sembra che chiunque abbia venduto i manufatti abbia ingannato Nicholson; la bara è più giovane del corpo sepolto al suo interno.

Da allora sono stati numerosi gli studi su questa misteriosa mummia. La domanda che in tanti si pongono è: perché questo individuo era coperto di fango, invece che di resina?

Secondo la ricercatrice capo dello studio Karin Sowada, del Dipartimento di Storia e Archeologia della Macquarie University di Sydney, in Australia, è possibile che l ‘”impacco di fango” sia stato utilizzato per stabilizzare la mummia dopo un danneggiamento ma il fango potrebbe anche essere stato concepito per emulare le pratiche utilizzate dall’élite della società, che a volte venivano  mummificate con materiali a base di resina dal tardo Nuovo Regno alla XXI dinastia (dal 1294 a.C. circa al 945 a.C.), hanno detto i ricercatori.

“Il fango è un materiale più conveniente”, ha detto la dott.ssa Sowada. Ma lo strano rivestimento non è l’unica particolarità di questa mummia. Datata attorno al 1207 a.C., è stata danneggiata dopo la morte ed è stata persino sepolta nella bara sbagliata, in realtà destinata a una donna scomparsa più di recente.

mummia2

©PlosOne/Chau Chak Wing Museum and Macquarie Medical Imaging

“I commercianti locali probabilmente hanno collocato un corpo mummificato non correlato nella bara per vendere un ‘set’ più completo, una pratica ben nota nel commercio di antichità locali”, hanno scritto i ricercatori nello studio.

La bara è incisa con il nome di una donna – Meruah o Meru (t) ah – e risale a circa il 1000 a.C., secondo l’iconografia che la decora, il che significa è di circa 200 anni più giovane della mummia al suo interno. Sebbene l’individuo non sia Meruah, gli indizi anatomici suggeriscono che possa trattarsi di una donna morta a un’età tra i 26 e i 35 anni.

Dopo la sua morte, la donna è stata mummificata e avvolta in tessuti. Quindi, i suoi resti, compreso il ginocchio sinistro e la parte inferiore della gamba, sono stati danneggiati in “circostanze sconosciute”, forse da ladri di tombe, probabilmente entro una o due generazioni dalla sua prima sepoltura.

Chi ha riparato la mummia ha preparato un complicato impasto creando una pastella di fango, sabbia e paglia tra gli strati di involucri di lino.

“Il fango è stato apparentemente applicato in fogli mentre era ancora umido e flessibile”, ha detto Sowada. “Il corpo è stato avvolto con involucri di lino, è stato applicato il carapace e poi sono stati applicati altri involucri”.

Successivamente, la mummia fu nuovamente danneggiata, questa volta sul lato destro del collo e della testa. Poiché questo danno colpisce tutti gli strati, compreso il guscio fangoso, sembra che questo danno sia stato più recente e abbia spinto l’inserimento di perni metallici per stabilizzare le aree danneggiate in quel momento.

Anche se questa “mummia di fango” gode di tante particolarità, non è l’unica antica mummia egizia soggetta a riparazioni post mortem. Il corpo del re Seti I è stato avvolto più di una volta, così come i resti del re Amenhotep III (il  nonno del re Tut ).

Per quanto riguarda il carapace di fango della donna, “questa è una scoperta veramente nuova nella mummificazione egizia”, ​​ha detto Sowada. “Questo studio aiuta a costruire un’immagine più grande e più sfumata di come gli antichi egizi trattavano e preparavano i loro morti”.

Fonti di riferimento: ScienceAlert, PlosOne

LEGGI anche:

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook