Tanti auguri Cenerentola! Il classico Disney compie 70 anni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Cenerentola compie oggi 70 anni. Il film animato Disney, ispirato alla fiaba di Charles Perrault, è diventato un classico amato da molte generazioni.

Era il 15 febbraio 1950 quando per la prima volta a Boston fu proiettata Cenerentola, un film d’animazione che si basa sull’omonima favola di Perrault. Un classico che ha aiutato la Disney ad uscire da un periodo molto buio e di grandi difficoltà economiche, quello vissuto subito dopo la seconda guerra mondiale.

Proprio con Cenerentola avvenne il riscatto, fu infatti un grandissimo successo che fece guadagnare alla Disney, complessivamente, 85 milioni di dollari a fronte di una spesa di realizzazione di 3 milioni.

Per realizzare il film d’animazione furono usati attori veri che negli studi Disney ricreavano le scene in veri e propri set, in questo modo gli animatori potevano prendere spunto per i loro disegni, soprattutto a livello di espressioni del volto e movenze.

La trasformazione dell’abito da lavoro tutto stracciato di Cenerentola in sontuoso abito da ballo era la scena animata preferita di Walt Disney, non solo per la bellezza delle immagini create da Marc Davis ma anche perché rappresenta l’intera filosofia Disney: i miracoli possono accadere a chi non perde la speranza!

Tutti ricordano, oltre alle immagini e alla trama, la famosissima colonna sonora fatta di veri e propri capolavori come “I sogni son desideri” e “Bidibi bodibi bu”, scritte da Mack David, Jerry Livingston e Al Hoffman.

Famosissimo anche il castello disegnato per il film (ispirato a quello di Neustwanstein in Baviera) diventato poi il simbolo della Disney e realizzato a grandezza naturale nel Walt Disney World in Florida.

Una fiaba che ha fatto sognare generazioni di bambine che fantasticavano di un riscatto simile a quello vissuto dalla protagonista di questa storia: la dolce orfana Cenerentola, schiava della matrigna e delle sorellastre, che con un pizzico di fortuna e l’aiuto della fata madrina Smemorina e degli amici topolini incontra il principe azzurro e cambia completamente vita.

Oggi forse quello rappresentato da Cenerentola non è più un sogno condiviso da tanti, le bambine hanno imparato che non hanno bisogno di nessun principe azzurro (né fatine) per poter avere la vita che desiderano ed esprimere la loro vera essenza.

Cenerentola rimane comunque una storia amata da tante generazioni e questo è testimoniato anche dai vari film che l’hanno ripresa come Cinderella Story e il suo sequel.

Fonti: Ansa/ La Repubblica

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook