Erbe spontanee in giardino: la Digitale

Parlando della velenosità dell’Elleboro, e dei suoi principi attivi cardiotonici, ho fatto il collegamento con sostanze molto simili ed utilizzate in medicina, le digitossine. A produrle è una pianta dalle bellissime spighe di fiori rosati, violetti o gialli, la Digitale.

La Digitale purpurea è una pianta velenosissima, ed i composti chimici che contiene sono da sempre i più utilizzati per dare forza al cuore e regolare la quantità delle contrazioni in caso di insufficienza della sua attività. Quando si hanno problemi di questo tipo al cuore, si hanno maggiori problemi di ritenzione di acqua e sodio, che possono ristagnare negli arti inferiori e nei polmoni. I glicosidi cardioattivi hanno anche una forte azione diuretica, aiutano a spostare i liquidi in eccesso dai tessuti al sistema urinario, abbassando la pressione sanguigna. Solo il dosaggio rende benefica o fatale, l’assunzione di questi rimedi…come diceva Paracelso: “È la dose che fa il veleno”. Meglio non fare la dose da soli in questo caso… non è assolutamente una pianta da utilizzare per preparati erboristici casalinghi.

Passeggiando tra boschi e siepi in estate, è molto facile incontrare la Digitalis lutea, che ha i fiori chiari e molto più piccoli della Digitalis purpurea. E’ meno sfruttata dal punto di vista erboristico, ma studi scientifici hanno testato una sua pari efficacia nel curare i disturbi da affaticamento ed insufficienza cardiaci, anzi, suoi alcaloidi tossici vengono metabolizzati ed eliminati dall’organismo più velocemente. Questo è uno dei motivi per cui viene utilizzata la digitale al posto di altre piante: il glicoside cardioattivo digossina rinforza il battito cardiaco, e viene eliminata subito dal corpo. Un eccessiva assunzione può però rallentare e far fermare il cuore in modo irrimediabile.

Digitalis lutea Photo by Bernd Haynold

Ma, a parte la morte in caso di sovra-dosaggio, le digitossine hanno anche altri effetti collaterali: nausea, alterazione della percezione degli odori e del senso del gusto, la visione può diventare confusa e può svilupparsi fastidio per la luce. Un grande pittore, che si è descritto come un “Musicista del colore”, ha in un certo senso sfruttato questi effetti collaterali (insieme a quelli dell’assenzio) per creare grandi opere.Van Gogh oltre che di disturbi mentali, soffriva anche di disturbi cardiaci e gastrointestinali. Un medico omeopata gli prescrisse Digitalis purpurea, che secondo la legge del “simile cura simile”, doveva aiutare i suoi disturbi gastrici. Il pittore dipinse questa pianta insieme al medico che la coltivava e la trasformava in rimedio, solo poco tempo prima di suicidarsi. In foto: Vincent Van Gogh, Ritratto del Dottor Gachet, 1890.

Vincent Van Gogh - Portrait of Dr Gachet 1890

Sorgente Natura

Pasta: come scegliere la migliore (non solo di grano duro)

Coop

Coop pianta più di 6.000 alberi per la campagna M’Illumino di meno 2020

Coop

Non solo dal contadino, si può scegliere etico anche al supermercato

Sparkasse Green

La banca punta alla sostenibilità ambientale

Roma Motodays
Seguici su Instagram
seguici su Facebook