Contro l’obsolescenza programmata, a Vienna il comune ti paga se ripari gli oggetti rotti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un'iniziativa virtuosa del comune di Vienna che presto sarà estesa a tutta l'Austria: un bonus che copre fino al 50% dei costi di riparazione dei nostri oggetti - a beneficio del nostro portafogli e dell'ambiente

Ecco il carrello smart per la spesa

Dare una “seconda vita” ai nostri dispositivi tecnologici o ai nostri piccoli elettrodomestici, oltre a farci risparmiare un po’ di soldi, ci permette di aiutare l’ambiente: infatti, la produzione di nuovi devices rappresenta un dispendio di materie prime (spesso, nel caso di cellulari e computer, si tratta anche di materiali preziosi come oro e palladio), nonché il rilascio in atmosfera di ingenti quantità di carbonio.

Dall’altra parte, anche smaltire elettrodomestici e oggetti hi-tech non è semplice e indolore: questo processo, anche se fatto in maniera sostenibile, ha costi elevati per gli impianti di smaltimento e per l’ambiente – per non parlare del rischio che si corre quando i nostri apparecchi non sono correttamente smaltiti e restano depositati nelle discariche o dispersi nell’ambiente.

Per evitare tutta questa catena di problemi, l’amministrazione comunale di Vienna va incontro ai cittadini con un bonus attraverso il quale sostenere i costi di riparazione del nostro oggetto rotto. Lo scopo è duplice: da una parte creare un circolo virtuoso di riparazione degli oggetti, che in questo modo hanno una seconda vita; dall’altro offrire un lavoro ai molti tecnici specializzati al momento privi di impiego.

(Leggi anche: I nostri smartphone inquinano più delle auto: 146mln di tonnellate di CO2 entro fine anno)

Il progetto, nato nel 2020, si chiama Reparaturbon e garantisce il 50% di copertura dei costi di riparazione, fino ad un massimo di 100 euro. Il bonus copre i costi di riparazione di qualsiasi oggetto – dall’abbigliamento all’elettronica, ma anche piccoli elettrodomestici, biciclette o mobili.

Il successo è stato enorme: dalla sua nascita ad oggi sono stati oltre 35.000 gli articoli già riparati, e si stimano 850 tonnellate di emissioni di CO2 in meno nell’atmosfera. Il successo dell’iniziativa risiede nella sua semplicità: infatti, i clienti non devono far altro che recarsi in officina o presso un tecnico specializzato e pagare la metà del costo di riparazione – il resto dei soldi verrà versato dall’amministrazione comunale.

L’iniziativa è stata così ben accolta dalla popolazione viennese che a partire da questo mese sarà estesa al territorio nazionale austriaco, concentrandosi tuttavia esclusivamente sulla riparazione dei dispositivi elettronici – che rappresentano la categoria di rifiuti maggiormente in crescita nel Paese.

Ogni anno, oltre 83.000 tonnellate di rifiuti elettronici finiscono nelle discariche austriache, e solo il 17% di questi viene riciclato purtroppo. La maggior parte delle persone, secondo gli organizzatori dell’iniziativa, è scoraggiata all’idea di riparare i propri oggetti rotti, spaventata dai costi esagerati delle riparazioni che spesso superano quelli di un oggetto nuovo.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Stadt Wien

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook