No, Amazon non sta cercando investitori inviando SMS. Attenzione alla nuova truffa! 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Hai ricevuto anche tu un SMS che ti invita a investire nella multinazionale Amazon? Non cadere nella trappola, si tratta di una truffa

“AMAZON sta crescendo del 49% nel 2022! Investi 200 euro e guadagna uno stipendio extra! Rispondi SI e ricevi informazioni gratuite“: probabilmente questo SMS sarà arrivato anche a voi. Negli ultimi mesi sono tantissime le segnalazioni da parte di utenti che lo hanno ricevuto. Attenzione, però, a non farsi ingannare. Il colosso di Jeff Bezos non è a caccia di investitori. Non è altro che una truffa, l’ennesima.

La dinamica è molto semplice: i malintenzionati iniziano con proposte mirate di poche centinaia di euro, illudendo così le vittime di riuscire a guadagnare. Chi risponde al messaggio viene ricontattato da sedicenti trader. In realtà i soldi non vengono investiti, ma ceduti e – naturalmente – non torneranno più indietro. Per far cadere più facilmente gli utenti nella loro trappola i truffatori fanno riferimento a una multinazionale nota a tutti, che negli ultimi anni è cresciuta a ritmi spaventosi. In realtà si tratta di un raggiro.

Leggi anche: Phishing: se anche tu hai ricevuto questo SMS da Poste Italiane, fai attenzione! È una truffa per svuotarti il conto

E c’è anche chi ci prova attraverso le chiamate. A molte persone è capitato di ricevere una strana chiamata durante la quale a parlare è una voce registrata che dice “la contattiamo dal servizio clienti Amazon, dal momento che è iscritto al programma Prime, Amazon le offre la possibilità di un investimento”. Anche in questo caso si tratta di una truffa.

Se vi capita di ricevere chiamate o SMS sospetti da parte di Amazon, non fidatevi e non fornite mai i vostri dati personali. Come confermato da Amazon, l’azienda non contatta nessuno per proporre investimenti. In caso di dubbi, conviene rivolgersi direttamente alla società in questione. Nell’eventualità in cui abbiate già fornito credenziali o altri dati, bisogna contattare al più presto la Polizia Postale.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook