Pfas: con un effetto “boomerang” passano dalle onde del mare alla terra, secondo un nuovo studio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un nuovo studio ha scoperto che, con una sorta di effetto boomerang, i Pfas presenti nel mare passano dalle onde alla terra

I Pfas, o “forever chemicals” (sostanze chimiche per sempre) come vengono definiti negli Usa, si trovano ormai davvero ovunque. Un nuovo studio mostra come possano tornare a terra dal mare – con una sorta di effetto “boomerang” – attraverso le onde.

Anche le onde del mare, purtroppo, contengono Pfas e infrangendosi sulla riva possono far tornare queste sostanze dal mare alla terra. L’ha scoperto un nuovo studio, pubblicato su Environmental Science & Technology.

Inizialmente si pensava il meccanismo fosse diverso, come ha dichiarato in un’intervista Matthew Salter, uno degli autori dello studio, ricercatore del Dipartimento di Scienze Ambientali dell’Università di Stoccolma:

La credenza comune era che i PFAS sarebbero finiti negli oceani dove sarebbero rimasti per essere diluiti nel corso di decenni. Ma si scopre che c’è un effetto boomerang, e alcuni dei PFAS tossici vengono riemessi nell’aria, trasportati per lunghe distanze e poi depositati di nuovo sulla terra.

I Pfas, come ormai sappiamo, sono prodotti chimici inquinanti e pericolosi: impiegano molto tempo per degradarsi nell’ambiente e sono potenzialmente dannosi per la salute umana. Sono stati infatti collegati a problemi riproduttivi e di sviluppo, ad alcune tipologie di cancro, a disturbi immunitari o ormonali e molto altro.

Gli scienziati continuano a studiare i modi in cui possiamo essere esposti a tali sostanze chimiche e quest’ultima ricerca mostra come, anche al mare, non possiamo stare tranquilli. Ma del resto, come dicevamo all’inizio, i Pfas sono purtroppo ormai ovunque e sono stati trovati anche nel latte materno oltre che nell’aria interna alle abitazioni. Leggi anche: Pfas nel latte materno: nuovo studio mostra una contaminazione universale e molto preoccupante)

Il nuovo studio mostra ora come queste sostanze possano inquinare anche l’aria esterna, almeno lungo la costa.  In pratica gli Pfas riuscirebbero a “tornare a riva” grazie alle onde che, quando si infrangono, riemettono questi composti nell’aria.

Per arrivare ad affermare ciò, il team di ricerca ha raccolto, tra il 2018 e il 2020, più di 100 campioni di aria da due località sulla spiaggia in Norvegia: Andøya, un’isola artica nell’arcipelago delle Vesterålen, e Birkenes, un comune situato lungo la punta più meridionale della Norvegia.

I campioni sono stati poi analizzati per valutare se vi fossero tracce di 11 Pfas e si è scoperto così che erano tutti contaminati. Si è voluta verificare anche la presenza nell’aria di ioni sodio (che sono un indicatore di aerosol degli spruzzi marini), scoprendo che alti livelli di ioni tendevano a correlarsi con alti livelli di Pfas.

Ciò concretamente significa che i Pfas potrebbero riuscire ad arrivare a terra grazie agli aerosol, le onde e gli spruzzi del mare che dunque dovrebbero essere considerati a tutti gli effetti fonti di inquinamento nelle comunità costiere.

I risultati suggeriscono che il trasporto di questi composti:

può avere un impatto su vaste aree dell’Europa interna e di altri continenti oltre alle aree costiere.

Nello studio i ricercatori hanno calcolato che gli oceani potrebbero rilasciare da 284 a 756 tonnellate statunitensi di otto tipi di Pfas ogni anno. Una fonte di contaminazione che, secondo gli esperti, potrebbe inquinare più dell’aria. 

È possibile che i PFAS depositati nell’atmosfera possano contaminare le fonti di acqua potabile costiere per il prossimo futuro. Il nostro studio dà una nuova dimensione al significato del termine sostanze chimiche per sempre – ha affermato Ian Cousins.

Leggi tutti i nostri articoli su i Pfas

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Environmental Science & TechnologyThe Hill

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook