Vitamina D: i livelli veramente ottimali di cui hai bisogno sono più alti di quel che pensi (e di quelli finora consigliati)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’integrazione di vitamina D è fondamentale per il benessere delle ossa e del sistema immunitario, ma quanta dovremmo assumerne? Qual è il valore ottimale da raggiungere per stare in salute?

Sulla vitamina D c’è ancora un po’ di confusione soprattutto su quanta ne abbiamo veramente bisogno, e quali sono i livelli che dovremmo mantenere nel nostro corpo per una salute ottimale.

Scopriamo tutto quello che bisogna sapere sull’integrazione di vitamina D.

Come vengono misurati i livelli di vitamina D

Quando chiedi al tuo dottore di testare il tuo livello di vitamina D, solitamente prescrive un esame del sangue per misurare il totale sierico di 25-idrossivitamina D, o 25 (OH) D.

Quantificato in nanogrammi per millilitro (ng/ml) di unità, il livello di 25(OH)D è un biomarcatore che riflette lo stato di vitamina D in tutto il corpo dai livelli ematici circolanti.

La vitamina D è l’input vitaminico iniziale e quel micronutriente essenziale viene idrossilato nel fegato a 25(OH)D, per viaggiare nel corpo a disposizione dei vari organi per una varietà di funzioni.

Livelli ottimali di vitamina D

Se hai mai testato i livelli sierici di vitamina D o fatto una rapida ricerca online su quali sono i livelli considerati ottimali, probabilmente ti sei imbattuto nell’idea che l’obiettivo sia 30 ng/ml, ma non è proprio così. In verità, è stato dimostrato che 30 ng/ml è solo il limite inferiore per avere un livello sufficiente di vitamina D.

Questo è il livello minimo indispensabile per evitare gravi problemi che si verificano in caso di carenza, inclusi problemi alle ossa e cattiva salute della tiroide.

Livelli più elevati di 25(OH)D sierico sono stati costantemente associati a miglioramenti dell’umore, miglioramento del sistema immunitario e molto altro ancora.

Sfortunatamente, secondo la ricerca una grossa fetta (41%) della popolazione adulta ne è carente (< 30 ng/ml) e probabilmente senza saperlo.

Il raggiungimento di livelli sierici ottimali è fondamentale per la salute immunitaria e la salute delle ossa. E lo strumento per raggiungere quel livello di 50 ng/ml è chiaramente l’integrazione di vitamina D3.

Comunque, arrivare anche a soli 30 ng/ml è un buon inizio, soprattutto se si parte da livelli molto bassi pari a 20 ng/ml, che secondo gli studi significa che esserne clinicamente carente.

Come raggiungere (e mantenere) effettivamente 50 ng/ml

Se pensi che fare affidamento solo su cibo e sole ti aiuterà a raggiungere il livello consigliato di 50 ng/ml sappi che non basta.

La ricerca mostra che occorrono 100 UI di vitamina D per aumentare i livelli sierici di un adulto normopeso di circa 10 ng/ml. Quindi, ciò significa che per raggiungere 50 ng/ml, hai bisogno di 5.000 UI di vitamina D al giorno.

Quindi, l’opzione migliore è un integratore di vitamina D3 di alta qualità e ad alta potenza.

In particolare, poiché la vitamina D è una vitamina liposolubile, è importante che sia confezionata con grassi per il massimo assorbimento.

Per tenere sotto controllo i tuoi valori, il consiglio è di ripetere il test del tuo stato di vitamina D ogni 8-12 settimane, e di consultare il tuo medico in caso sia necessario apportare delle modifiche alla tua integrazione.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok |   Youtube

Sulla vitamina D ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook