Perché continuo a svegliarmi tutta la notte? Sei consigli per aiutarti a riaddormentarti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Svegliarsi nel cuore della notte può disturbare il nostro riposo. Ecco come fare per riuscire a riaddormentarsi e riposare meglio

Svegliarsi nel cuore della notte può disturbare il nostro riposo. Ecco come fare per riuscire a riaddormentarsi e riposare meglio

Se ti svegli di notte può essere difficile riaddormentarti, soprattutto, svegliarsi prima del suono della sveglia può essere traumatico e disturbare totalmente il sonno. Scopriamo i sei modi che possono aiutarti a riaddormentarti e ottenere un buon riposo. (Leggi anche: Se la mattina ti alzi stanco forse hai avuto poco sonno REM. Trucchi e consigli per aumentarlo e sentirti ringiovanito)

Evita le pause in bagno

Se ti svegli nel cuore della notte, rimani a letto e cerca di non alzarti, anche se devi andare in bagno. Il trucco è rimanere comodamente nel letto. Questo perché se lasci il calore delle coperte, il cuore deve pompare più sangue in tutto il corpo, mentre per addormentarsi è necessaria una frequenza cardiaca a riposo bassa, che è più difficile da raggiungere se ti muovi e ti alzi.

Smetti di guardare l’orologio

Una cosa di cui tutti possiamo essere colpevoli è controllare l’orologio o il telefono quando ci svegliamo nel cuore della notte. E’ bene evitare di fare ciò, poiché questa abitudine può tenerti sveglio più a lungo.

Lascia perdere l’alcol

Un bicchiere o due di vino, o un sorso o due di brandy, per molti è un rituale prima di andare a letto e può aiutarti ad addormentarti, ma può rovinare la qualità del sonno. Questo perché l’alcol impedisce al triptofano, un aminoacido che aiuta a dormire, di arrivare al cervello. L’alcol rende più difficile rimanere addormentati, e influisce sulla qualità del nostro riposo.

Non dormire con gli animali domestici

E’ bene non avere gli animali domestici nel letto. Il motivo? Se si agitano possono disturbare il nostro sonno. Inoltre, dormire con un amico peloso può anche aggravare allergie o asma in coloro che ne sono sensibili.

Temperatura di casa

Avere una casa calda e accogliente può essere un comfort nei mesi più freddi, ma questo può effettivamente disturbare il sonno. Questo perché i sistemi di riscaldamento centralizzato asciugano le mucose. La temperatura ottimale per una buona notte è di 18°C ​​o anche inferiore. Abbiamo bisogno di perdere circa 1°C della nostra temperatura corporea interna, che si trova a circa 37°C, per addormentarci.

Se ti trovi in ​​una stanza troppo calda, il tuo corpo non può scaricare il calore in eccesso, e questo significa che il tuo sonno sarà disturbato. Spegni il riscaldamento nella tua camera da letto e usa invece piumoni, coperte e lenzuola traspiranti per aiutare a regolare la temperatura corporea.

Calma la tua mente

Per calmare la mente prova la meditazione. Imparare a calmare la mente può essere utile, sia per affrontare periodi stressanti sia per addormentarti in poco tempo. Se non l’hai mai provato, inizia con un paio di minuti da seduto in silenzio e concentrati sull’inspirazione e l’espirazione. Un’altra raccomandazione è fare più esercizio fisico regolare, perché può aiutarti a dormire più profondamente.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Sui disturbi del sonno ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook