Le diete vegetali sono le migliori per il Pianeta, ma la dieta mediterranea è quella che verrebbe scelta effettivamente

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La nostra alimentazione ha un impatto enorme sull'inquinamento, ma come possiamo cambiarla per ridurre le emissioni inquinanti?

Ormai lo sappiamo: il cibo che mangiamo e il modo in cui lo produciamo e lo trasformiamo hanno un impatto enorme sull’ambiente e sulla produzione di gas serra. Si pensi che il settore alimentare è responsabile da solo di oltre un quarto delle emissioni inquinanti a livello mondiale.

È chiaro che la soluzione alla crisi climatica in atto non può non tenere conto anche della filiera alimentare e del peso che alcune categorie di prodotti più di altre esercitano sull’ambiente. L’allevamento del bestiame, infatti, è la principale fonte di emissioni inquinanti (14,5% delle emissioni totali) in assoluto dopo il settore dell’energia (35%) e quello dei trasporti (23%).

Ma qual è il problema con la produzione di carne e derivati? Perché si tratta di un processo così inquinante? Innanzitutto, l’allevamento del bestiame richiede l’utilizzo di vaste aree di terreno, che spesso vengono sottratte alle foreste (attraverso azioni di deforestazione incontrollate) o ai campi coltivali a cereali o frutta: questo porta alla degradazione del suolo, che in pochi anni diventa arido e sterile.

Poi c’è la questione delle emissioni vere e proprie: i bovini sono responsabili dell’aumento dei livelli di metano nell’atmosfera, che viene espulso da questi animali dall’apparato escretore o sotto forma di eruttazioni. Il bestiame, poi, deve essere trasportato ai macelli o nelle industrie di trasformazione: si tratta, solitamente, di un trasporto su gomma, che contribuisce ulteriormente all’inquinamento.

Insomma, c’è un problema in ogni fase della produzione della salsiccia o della bistecca – problemi che non possono più essere ignorati in un’ottica di contrasto all’inquinamento e alla crisi climatica come quella che stiamo vivendo. Abbiamo bisogno di una rivoluzione dell’alimentazione se vogliamo salvare il Pianeta.

Lo studio

I ricercatori dell’Università del New England hanno messo a confronto cinque diete praticate nel mondo e hanno valutato, per ciascuna, l’impatto ambientale sulla base di alcuni criteri quali impronta carbonica, uso del suolo e dell’acqua, benessere degli animali; di ogni stile alimentare, poi, si è valutato anche l’impatto sulla salute umana. Ecco le cinque diete oggetto dello studio:

  • Dieta mediterranea– un’alimentazione, tipica dei Paesi che affacciano sul Mediterraneo, che vede una forte presenza di cereali, frutta e verdura, pianta pesante con piccole quantità di carne rossa, moderate quantità di pollame e pesce
  • Dieta semi-vegetariana – un’alimentazione che non vieta niente, ma che prevede un consumo occasionale di carne e pesce
  • Dieta pescetariana – regime alimentare che abolisce il consumo di carne, ma che contempla un consumo occasionale di pesce e molluschi
  • Dieta vegetariana – alimentazione completamente priva di carne e pesce, ma che contempla il consumo di derivati animali (latte, formaggi, uova, miele…)
  • Dieta vegana – dieta completamente priva di prodotti di origine animale.

Leggi anche: La dieta mediterranea è la dieta migliore del 2022

Si tratta, in tutti e cinque i casi, di regimi alimentari che hanno un impatto ambientale minore rispetto alla dieta onnivora. I risultati dimostrano che le diete vegana e vegetariana hanno il minor impatto sul maltrattamento degli animali, ma possono avere effetti indesiderati sulla salute delle persone.

Al contrario la dieta mediterranea, pur contemplando il consumo saltuario di carne e pesce, è considerata un buon compromesso fra la sostenibilità ambientale e il nostro benessere. E la dieta mediterranea sembrerebbe anche quella maggiormente accettata dagli onnivori come proposta più sostenibile al loro stile alimentare attuale.

È quanto emerge da un sondaggio condotto dagli stessi ricercatori su un campione di circa trecento australiani onnivori, a cui è stato chiesto a quale delle cinque diete sopra spiegate sarebbero disposti a “convertirsi” in nome dell’ambiente.

La dieta mediterranea, che prevede comunque un consumo di carne e pesce ogni tanto, sembra essere il sacrificio minore da sostenere pur apportando comunque grandi benefici sia dal punto di vista della salute umana che da quello dell’impatto sull’ambiente.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Sustainable Production and Consumption

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook