Hai il Long Covid? Questi sono i sintomi più comuni (uno ha a che fare con la memoria)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Tra il 10% e il 20% della popolazione mondiale sperimenta la sindrome del Long Covid dopo aver contratto il virus: quali sono i sintomi a cui prestare attenzione e quanto durano in genere? Ecco cosa dicono i dati aggiornati diffusi dall'Oms

I tempi di ripresa dal Covid-19 non sono uguali per tutti. Diverse persone, infatti, si ritrovano a convivere con alcuni dei sintomi anche a distanza di settimane o mesi dalla guarigione dal virus. È la cosiddetta sindrome del Long Covid, i cui meccanismi non sono ancora del tutto noti agli esperti e che da tempo l’Oms sta cercando di approfondire.

Proprio in questi giorni l’Organizzazione mondiale della sanità ha rilasciato una nuova scheda aggioranta, dedicata a questa condizione. Vediamo quali sono i sintomi più ricorrenti e le tempistiche del Long Covid e quali soggetti sono maggiormente a rischio.

Leggi anche: Long Covid: confermati gli effetti collaterali a lungo termine dell’infezione su cuore e ciclo mestruale

Long Covid: i sintomi a cui prestare attenzione

I sintomi del Long Covid variano da persona a persona. Fra i più comuni l’Oms menziona:

  • Forte stanchezza
  • Tosse
  • Insonnia
  • Alterazioni al gusto e all’olfatto
  • Dolore al petto e senso di oppressione
  • Tachicardia
  • Dolori muscolari e spasmi
  • Fame d’aria (dispnea)
  • Problemi di concentrazione e perdita di memoria a breve termine

La persistenza di questi fastidi può impattare negativamente la quotidianità una persona, rendendo complicato anche recarsi al lavoro e praticare attività fisica.

Leggi anche: Alzheimer: se hai più di 65 anni e hai avuto il Covid sei più a rischio dell’80% di sviluppare la demenza entro un anno dall’infezione

Quali soggetti sono più esposti a questa condizione e quanto può durare?

Ma in quali casi insorge il Long Covid? Si può andare incontro a questa sindrome indipendentemente dalla gravità dell’infezione, dalla variante circolante del virus o dall’età della persona.

Dal monitoraggio è emerso, tuttavia, che le donne hanno maggiori probabilità di sperimentare il Long Covid. Per quanto riguarda, invece, la durata di questa condizione i sintomi solitamente diminuiscono fino a scomparie nel giro di un paio di mesi, ma in alcuni casi più rari possono andare avanti anche per un anno.

I numeri del Long Covid

Fortunatamente la maggior parte delle persone che si ammala di Covid riesce a riprendersi completamente dopo essere guariti dall’infezione. Tuttavia, come chiarito nella scheda dell’Oms, si stima che fra il 10 e il 20% della popolazione mondiale debba fare i conti con il Long Covid. Praticamente oltre 17 milioni di persone in Europa hanno sperimentato questa condizione nei primi 2 anni di pandemia.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: OMS

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook