Caro carburanti, perché dovremmo usare la bicicletta come primo passo per boicottare il gas russo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La "provocazione" arriva dal presidente della Federazione europea dei ciclisti. Non male per rimetterci anche in forma

Già vivevamo sotto la scure di un incubo: l’ondata di rialzi senza precedenti per i carburanti. Per tutti alle prese con i rincari su gas ed elettricità e su diversi alimenti (tra cui pane e pasta) era un periodo nero, ma ora la guerra in Ucraina rischia di peggiorare ulteriormente le cose.

Se Altroconsumo aveva allora lanciato l’idea ridurre l’Iva dei carburanti al 18%, ora il presidente della Federazione europea dei ciclisti, la European Cyclist Federation – Henk Swarttouw – dice, anzi cinguetta, la sua:

Un modo semplice e intelligente per utilizzare meno petrolio e gas russi è… più #ciclismo!
Cominciamo tutti i viaggi inferiori ai 5 km, quando non piove e quando non devi trasportare un frigorifero, 4 bambini o i tuoi genitori anziani. E anche allora…

Proprio così! La cara vecchia bicicletta ci salverà da tutti i mali! Oltre a farci dire addio al gas russo, l’uso della bici ha una serie di innumerevoli risvolti positivi che dovremmo considerare.

Eccone alcuni:

Andare in bici fa scomparire ansia e depressione

Le condizioni di salute mentale come la depressione, lo stress e l’ansia possono essere ridotte andando regolarmente in bicicletta. Ciò è dovuto agli effetti dell’esercizio stesso e al divertimento associato a una bella pedalata ammirando la bellezza della natura.

Leggi anche: Cosa succede al tuo cervello quando ti alleni ogni giorno? La risposta della neuroscienza

Andare in bici aiuta il sistema cardiocircolatorio 

In bici il cuore, i vasi sanguigni e i polmoni si allenano e aumenta la frequenza cardiaca. Di conseguenza, è tra una selezione di forme di esercizio raccomandate dal NHS come modi salutari per ridurre il rischio di sviluppare malattie cardiache.

Andare in bici rafforza il sistema immunitario

Uno studio condotto dal professor Tim Noakes, dell’Università di Città del Capo, in Sudafrica, ha rivelato che anche non usandola tutti i giorni vi sono dei benefici per il nostro sistema immunitario, aumentando la produzione di proteine ​​essenziali e “risvegliando” i globuli bianchi.

Andare in bici riduce l’impronta di carbonio dell’84%

Un recente studio ha rivelato che le persone che si spostano quotidianamente in bicicletta generano ogni giorno l’84% in meno di emissioni di CO2 rispetto a quelle che non la usano. Ma non solo. Secondo i ricercatori, una persona che sostituisce la macchina con una bici, anche solo per una volta a settimana, risparmia 3,2 kg di CO2, come guidare un’auto per 10 km o inviare 800 email.

Andare in bici aiuta a tenere sotto controllo il peso

Un’alimentazione sana associata a una pedalata al dì aiuta a tenere sotto controllo il peso e anche a perdere i chili di troppo. Andare in bicicletta permette di bruciare mediamente tra 400 e 1000 all’ora, a seconda dell’intensità e del peso del ciclista.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook