Make Fruit Fair: chiediamo di rendere più equa la filiera della frutta tropicale (PETIZIONE)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Possiamo rendere la frutta tropicale più equa e sostenibile? La campagna internazionale Make Fruit Fair nasce per chiedere all’Unione Europea di impegnarsi concretamente per una filiera della frutta tropicale più equa, che rispetti cioè fino in fondo l’ambiente e i diritti dei lavoratori.

In Italia la campagna è promossa dal Gruppo di Volontariato Civile che ha creato la petizione online Make Fruit Fair. L’obiettivo della campagna è di migliorare le condizioni lavorative nelle piantagioni di frutta tropicale, in particolare banane e ananas, e di incoraggiare modalità commerciali democratiche e sostenibili per promuovere un consumo responsabile di questi prodotti.

La campagna è promossa da 19 organizzazioni non governative in Europa, Africa e America Latina. L’Unione Europea, i Governi, i supermercati e le industrie alimentari per rispondere alle richieste dei consumatori dovranno impegnarsi a garantire un prezzo equo per i produttori di frutta tropicale e che questa frutta sia prodotta rispettando i diritti umani.

I lavoratori dovranno essere pagati degnamente, la loro salute dovrà essere tutelata così come l’ambiente. Purtroppo oggi come oggi il mercato della frutta tropicale è dominato da pratiche commerciali ingiuste con violazioni dei diritti umani e sfruttamento dei lavoratori e dell’ambiente nei Paesi produttivi.

A volte non ci pensiamo, ma il casco di banane che per abitudine aggiungiamo nel carrello della spesa potrebbe essere prodotto in condizioni poco eque per i lavoratori e senza rispettare l’ambiente.

Proprio la produzione delle banane rappresenta uno degli ambiti in cui i lavoratori e l’ambiente sono più sfruttati. Con questa petizione si vuole dimostrare che le regole del commercio equo possono essere applicate sempre a partire da prezzo giusto, relazioni commerciali dirette e continuative, rispetto dei diritti delle persone e dell’ambiente, filiera trasparente e produzione sostenibile.

make fruit fair 1

Preferiamo il cibo locale ma se di tanto in tanto vogliamo acquistare delle banane, un ananas o un altro frutto tropicale da assaggiare (ma anche cacao, cioccolato e caffè), ricordiamo di sceglierlo del commercio equo e solidale. Nella speranza che, per il bene dell’ambiente e dei lavoratori,condizioni più giuste vengano estese a tutta la filiera. Potrete firmare la petizione via web oppure nelle botteghe Altromercato presenti nel nostro Paese.

Firma qui la petizione Make Fruit Fair.

Marta Albè

Leggi anche:

Guida al commercio equo e solidale: tutto ciò che bisogna sapere sul fair trade
Frutti tropicali nostrani: la cerimonia. Cos’è, come gustarla e proprietà
Come l’industria del caffè sta minacciando l’ambiente ora più che mai

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook