Pesticidi e metalli pesanti nei pomodori freschi: il test su 12 marche dei supermercati italiani

pomodori-ciliegino

Un nuovo test ha messo a confronto 12 diversi pomodori freschi venduti da supermercati e discount, andando a caccia di pesticidi e metalli pesanti. Cosa è uscito fuori? Sembra essere tutto a norma di legge, se non fosse che un campione conteneva traccia di ben 16 sostanze chimiche!

Quando mangiamo un pomodoro siamo convinti di assumere un frutto benefico e ricco di proprietà. E questo è vero (conosciamo i tanti benefici dei pomodori), ma lo è un po’ meno se all’interno troviamo anche pesticidi e metalli pesanti.

Per capire cosa contengono davvero i pomodori e se sono più o meno “puliti”, Il Salvagente, nella sua nuova inchiesta, ha confrontato 12 diversi marchi valutando la presenza di sostanze potenzialmente pericolose e, se vi erano, a che livelli.

I campioni, venduti in supermercati e discount, sono stati presi a Roma e sono di origine italiana (ad eccezione di 3 prodotti di provenienza spagnola, venduti da Lidl, Eurospin ed Esselunga). In tutti i casi si tratta di pomodorini a grappolo, ciliegino, Pachino e marzanino.

Risultati

I risultati, almeno apparentemente, dovrebbero tranquillizzarci dato che tutti i campioni sono a norma in quanto a tracce di pesticidi e metalli pesanti. Ovvero nessuno superava i valori limite stabiliti dalla legislazione in materia (0,05 mg/kg).

Ma (perché ovviamente c’è un ma), diversi pomodori non sono risultati propriamente puliti. In particolare due, anche se a norma, sono stati bocciati dagli esperti, dato che contenevano multiresidui, ossia tracce di diversi pesticidi e altre sostanze. Secondo il test, un campione raggiungeva addirittura quota 16 residui di trattamenti fitosanitari ( 12 fungicidi e 4 insetticidi), era il  Pachino Igp, a marchio Agroyal.

Un altro campione ne aveva 5 (si tratta degli insetticidi trovati nei pomodori a grappolo venduti da Eurospin) e altri 2 (pomodoro ciliegino Carrefour e pomodori a grappolo da banco Esselunga) contenevano tracce di 4 sostanze.

La domanda viene spontanea ed è del tutto legittima: davvero occorrono tutte queste sostanze chimiche per far crescere un pomodoro sano e buono? Che conseguenze potrebbe avere sulla nostra salute questo effetto cocktail?

Sia pure a basse dosi, infatti, queste sostanze potrebbero procurarci problemi. E’ per questo che, già da tempo, ambientalisti e agricoltori del settore biologico hanno chiesto al governo leggi e sanzioni più severe per chi usa prodotti inquinanti e una maggiore tutela dei consumatori. L’occasione è perfetta perché si discute del PAN, il Piano d’azione nazionale per l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari, che viene rivalutato ogni 5 anni per poi diventare operativo (il nuovo doveva essere pronto già ad aprile).

Tornando al test, comunque, i pomodori migliori sono risultati quelli da agricoltura biologica venduti da NaturaSì ed Esselunga.

Un buon risultato hanno ottenuto anche i pomodorini Coop, Lidl e Solo di Sicilia in cui è stato trovato un solo residuo di pesticidi e a livelli molto bassi.

Per quanto riguarda i metalli pesanti, piombo e rame, sono risultati sempre presenti anche se a livelli molto bassi tranne che nel pomodoro Pachino Igp a marchio Agroyal (proprio quello però che aveva maggiori residui di fitofarmaci).

Questi i pomodori in ordine di valutazione dal migliore al peggiore:

  • Pomodoro a grappolo – NaturaSì
  • Pomodorino a grappolo bio – Esselunga
  • Pomodoro ciliegino  – Coop
  • Motekino Oranfrizer – Solo di Sicilia
  • Pomodori – Lidl
  • Pomodoro Marzanino – Valfrutta
  • Pomodoro Ciliegino – Conad
  • Pomilio – Valfrutta
  • Pomodoro ciliegino – Carrefour
  • Pomodoro a grappolo – Esselunga
  • Pomodoro a grappolo – Eurospin
  • Pomodoro pachino Igp – Agroyal

Come scegliere i pomodori e come pulirli al meglio

Come sempre vi consigliamo di acquistare pomodori dal vostro contadino di fiducia, a km0 e biologici. Solo così vi assicurerete un prodotto il più possibile buono, genuino e privo di sostanze chimiche.

Ricordate inoltre di non acquistarli mai fuori stagione, in questo caso infatti saranno di serra e probabilmente per produrli saranno state utilizzate moltissime sostanze chimiche. Altri consigli su come scegliere al meglio i pomodori li trovate qui.

In ogni caso, lavate sempre bene i pomodori sotto l’acqua corrente oppure lasciateli qualche minuto a bagno nel bicarbonato prima di risciacquare e consumare.

Sui pomodori ti potrebber interessare anche:

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Coop

Le bottigliette d’acqua riciclate del Jova Beach Party diventano t-shirt sportive

Florena Fermented Skincare

Cosmetici naturali fermentati: cosa sono e perché sono così efficaci per la cura del viso

Caffè Vergnano

Regali di Natale: un’idea personalizzata e green per la persona che ami

Salugea

Come fare incetta di vitamina D in inverno per evitare una carenza

Seguici su Instagram
seguici su Facebook