Prodotti a marchio del supermercato: fanno risparmiare e aumentano sempre di più

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I prodotti a marchio del supermercato spesso offrono un buon rapporto qualità-prezzo e sono sempre più richiesti e apprezzati dai consumatori, soprattutto perché permettono di risparmiare. Non a caso la Coop si appresta a lanciare nei prossimi 2 anni ben 5000 nuove referenze

Negli ultimi anni abbiamo assistito ad una grande crescita dei prodotti a marchio del supermercato, pensiamo ad esempio alle tante referenze disponibili presso i punti vendita Coop o Conad.

I consumatori si lasciano meno convincere dalle grandi marche a fronte del risparmio (a parità di qualità) che offrono le cosiddette marche del distributore o private label.

Attualmente il consumatore non considera più il marchio noto come il principale fattore che spinge all’acquisto di un prodotto. Sono tante altre le caratteristiche che vengono notate. Tra queste sicuramente:

  • prezzo
  • qualità
  • origine delle materie prime
  • gusto (nel caso di prodotti alimentari)
  • contenuti nutrizionali
  • sostenibilità

E, dato che la marca del supermercato in genere garantisce un risparmio medio di circa il 15% rispetto al corrispettivo di marca, non stupisce che si stia guadagnando una fetta di mercato sempre più ampia.

In effetti, considerato il periodo di crisi, i consumatori tendono a stare particolarmente attenti al prezzo e non a caso già nel 2021, come aveva evidenziato l’indagine di Altroconsumo sui prezzi dei supermercati, il 45% degli articoli considerati “migliori acquisti” non erano prodotti di marca.

In quell’occasione la rivista aveva scoperto che, per risparmiare sulla spesa, non è necessario acquistare esclusivamente marchi noti, magari approfittando delle offerte, ma che sono altrettanto validi i prodotti a marca del supermercato (o del discount) che hanno di base prezzi più contenuti. Ipercoop secondo il sondaggio è risultata essere la miglior catena per i prodotti di marca propria.

Acquistare prodotti delle private label, secondo i dati di The European House – Ambrosetti, offre un risparmio notevole:

Nel 2020 la Marca del Distributore ha consentito un risparmio di oltre 2 miliardi di euro per le famiglie italiane, pari a un risparmio di 100 euro per ogni famiglia. Ma non solo: la Marca del Distributore attiva una filiera di 1.500 imprese, di cui circa l’85% è rappresentato da piccole e medie imprese e il 92% è italiano; sostiene una rete di 235.000 occupati diretti e indiretti lungo l’intera filiera; consente l’entrata di tante PMI italiane nel mass market; contribuisce alla tutela del made in Italy e alla difesa della qualità e varietà della tradizione enogastronomica italiana.

La tendenza ad optare per la marca del supermercato sembra confermarsi (anzi rafforzarsi) anche nel 2022, come conseguenza della pandemia e poi delle ripercussioni economiche della guerra in corso.

Non a caso Coop ha da poco annunciato che, nell’arco dei prossimi due anni, arriveranno sugli scaffali dei suoi punti vendita circa 5000 nuovi prodotti a marchio che innoveranno l’offerta del 50%.

Come si legge nel comunicato Coop:

Nell’arco di due anni a partire da questo mese di maggio arriveranno a scaffale circa 5000 nuovi prodotti (tra riformulazioni, cambi di packaging così da esaltarne i contenuti e proposte fino ad oggi inedite) che innoveranno l’offerta del 50% sia andando a coprire interi segmenti di mercato un tempo non frequentati dalla marca di un supermercato (vuoi per occasioni di consumo specifiche o per la particolare materia prima utilizzata e/o la complessità della formula nutrizionale) o ampliando significativamente le gamme già in essere (citiamo qui il caso delle 57 varianti di caffè Coop a scaffale dalla prossima settimana) per andare a rispondere ai sempre più specifici bisogni di soci e consumatori.

Le prime novità che si troveranno sugli scaffali Coop già da maggio e giugno saranno alcuni nuovi prodotti per la prima colazione e successivamente bevande alcoliche e analcoliche, pasta, primi piatti e condimenti.

Non ci stupiremmo se, anche le altre private label, visto il successo dei loro prodotti, amplieranno a breve il loro catalogo.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte:  Coop / Altroconsumo

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook