Sai davvero leggere l’etichetta delle scatolette di tonno? A cosa dovresti fare attenzione

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Chi mangia tonno in scatola dovrebbe sempre leggere le etichette stando attento ai diversi dettagli, non solo tipologia di tonno, se è sott'olio al naturale, ecc. ma anche fare una valutazione di tipo "ambientale" ovvero capire da dove arriva, valutando zona e modalità di pesca

In merito alle etichette che si trovano sulle scatolette di tonno la legge europea è molto chiara e devono esserci obbligatoriamente una serie di specifiche. Non solo va indicata la specie ittica (con il nome sia commerciale che scientifico del tonno) ma anche la provenienza, ovvero dove è stato pescato e con quale tecnica.

Questi sono aspetti molto importanti in quanto alcune specie di tonno sono più a rischio di altre e alcune zone di pesca sono considerate migliori di altre proprio in quanto lì le popolazioni di tonno sono più numerose e “sane”. Ma dove si trovano tali indicazioni in etichetta?

La zona di pesca in genere si trova vicino alla data di scadenza ed è indicata con FAO, che sta per zona FAO di pesca. Si tratta infatti di aree geografiche definite dall’Organizzazione per l’Alimentazione e l’Agricoltura, in inglese Food and Agriculture Organization (FAO).

zona di pesca fao

@Fao

Ad esempio per il Thunnus albacares, il tonno a pinne gialle, tra i più presenti sul mercato, il WWF segnala le zone FAO e le tipologie di pesca da preferire e quelle da evitare.

Da preferire

  • Pacifico occidentale e centrale FAO 61, 71, 81
  • Lenze a mano

Seconda scelta

  • Pacifico occidentale e centrale (area WCPF) FAO 61, 71, 77, 81, 87
    Ciancioli senza dcp
  • Oceano Atlantico FAO 21, 27, 31, 34, 41, 47; Oceano Indiano FAO 51, 57
    Lenze a mano

Da evitare

  • Mondo intero
    Palangari pelagici, ciancioli con dcp
  • Mondo intero (eccetto Pacifico occidentale e centrale)
    Ciancioli senza dcp
  • Pacifico centro-occidentale FAO 71: Filippine, Indonesia; Oceano Indiano FAO 51, 57
    Reti da posta

In realtà, secondo l’ultima classifica sul tonno realizzata da Altroconsumo nel 2020 ( Tonno in scatola: occhio a olio e specie. Le marche promosse e bocciate da Altroconsumo ), chi vuole fare una scelta più sostenibile dovrebbe acquistare le marche che utilizzano tonnetto striato, che non è considerato fra le specie a rischio di estinzione, piuttosto che il tonno a pinna gialla (che però è più pregiato) la cui sopravvivenza è maggiormente minacciata.

Proprio in base alla condizione delle popolazioni di tonno, Altroconsumo suggerisce:

  • Zone consigliate: Pacifico occidentale e centrale: FAO 61, 71, 81
  • Zone sconsigliate: Oceano Atlantico: FAO 31, 34, 41, 47; Oceano Indiano: FAO 51, 57

C’è poi il discorso del metodo di pesca, tra i più utilizzati vi è quello con reti a circuizione con utilizzo di FAD, oggetti galleggianti che attirano pesci di ogni genere a altri animali (tra cui i delfini) che vi finiscono incastrati. Anche la pesca con palamiti (o palangari) non è sostenibile, meglio prediligere tonno pescato a canna o con reti a circuizione su banchi liberi (si tratta di sistemi selettivi che evitano la morte di altre specie).

Per altre informazioni utili a leggere correttamente le etichette del tonno e di altro pesce in scatola potete leggere il seguente articolo:

Fonte: WWF

Seguici su Telegram Instagram Facebook TikTok Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook