Panettone sospeso: a Milano si può donare un Natale più dolce ai più bisognosi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

A Milano torna l'iniziativa del "panettone sospeso" per aiutare anche i meno fortunati a vivere un Natale di gioia e convivialità

A Milano torna l’iniziativa del “panettone sospeso” per aiutare anche i meno fortunati a vivere un Natale di gioia e convivialità

Il panettone, simbolo di Milano, è uno dei dolci natalizi più amati e consumati nei giorni delle Feste: è un dolce della famiglia, della condivisione, rappresenta un momento di gioia da vivere insieme alle persone più care. Purtroppo però, ci sono tante persone che non hanno la possibilità economica di vivere la gioia del Natale (e i numeri dei nuovi poveri, nati dopo la crisi economica dovuta alla pandemia da Covid-19, sono sempre più preoccupanti): a loro è dedicata l’iniziativa solidale del Comune di Milano “Panettone Sospeso”.

L’idea alla base riprende la tradizione partenopea del caffè sospeso, secondo la quale gli avventori del bar lasciano un caffè già pagato a chi non può permetterselo. Dal 7 al 22 dicembre, infatti, sarà possibile recarsi nelle pasticcerie milanesi che espongono in vetrina il logo dell’iniziativa e lasciare un panettone “sospeso”, che sarà donato a chi è meno fortunato. Ma non solo: per ogni panettone acquistato e lasciato “sospeso”, le pasticcerie ne aggiungeranno un altro, raddoppiando la donazione. Tutti i panettoni raccolti saranno consegnati ai volontari della Casa dell’Accoglienza Enzo Jannacci e ai Custodi Sociali del Comune di Milano.

Ecco l’elenco completo delle 16 pasticcerie milanesi che hanno aderito all’iniziativa solidale (per un totale di 25 punti vendita):

  1. Alvin’s (Via Melchiorre Gioia, 141);
  2. Baunilla (Piazza Alvar Aalto; Corso Garibaldi, 55; Via Broletto, 55; Corso Italia, 11);
  3. Cake l’Hub, I dolci del paradiso (Via Luigi Mengoni, 3);
  4. Davide Longoni (Via Tiraboschi, 19; Via Fratelli Bronzetti, 2; Via Tertulliano, 68; Piazza Santa Maria del Suffragio, 2; Mercato Centrale);
  5. Gelsomina (Via Carlo Tenca, 5; Via Fiamma, 2);
  6. Giacomo Pasticceria (Via Pasquale Sottocorno, 5);
  7. Lorìa Pasticceria Boutique (Viale Piave, 12);
  8. Marlá (Corso Lodi, 15);
  9. Martesana Milano (Via Cardinale Giovanni Cagliero, 14; Via Paolo Sarpi, 62);
  10. Massimo 1970 (Via Ripamonti, 5);
  11. Moriondo (Via Marghera, 10);
  12. Panettone Cracco Pasticceria (Galleria Vittorio Emanuele II);
  13. Polenghi Angelo Pasticceria (Via Alfonso Lamarmora, 31);
  14. San Gregorio (Via S. Gregorio, 1);
  15. Ungaro (Via Ronchi, 39);
  16. Vergani (Via Mercadante, 17; Corso di Porta Romana, 51).

Anche chi non vive a Milano può dare il proprio contributo a questa splendida iniziativa solidale: sul sito internet dell’associazione è possibile effettuare una donazione con carta di credito che finanzierà l’acquisto di un panettone “sospeso”. Questo renderà più dolce il Natale anche di chi ha meno possibilità.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Panettone Sospeso

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook