Superbonus 110% e bonus mobili: cosa prevede la nuova legge di bilancio approvata dal Governo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Con la legge di bilancio 2022 saranno prorogate le detrazioni fiscali per la ristrutturazione degli immobili: ecco le nuove regole

Ecco il carrello smart per la spesa

Con la legge di bilancio 2022 saranno prorogate le detrazioni fiscali per la ristrutturazione degli immobili: ecco le nuove regole

Lo scorso 30 dicembre è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il testo della nuova legge di bilancio con gli aggiornamenti relativi alle agevolazioni fiscali e ai benefici economici volti a dare nuovo impulso a quei settori fortemente penalizzati dai blocchi dovuti alla pandemia. Grande interesse è rivolto al Superbonus 110%, sostegno economico nato nel 2020 per favorire interventi di ristrutturazione degli edifici alla luce di un efficientamento energetico e di un miglio uso delle fonti rinnovabili: il bonus, infatti, sostiene interventi di isolamento termico, sostituzione degli impianti di climatizzazione, installazione di impianti fotovoltaici o di infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici (anche in aree comuni dei condomini, come parcheggi o garage).

Superbonus 110%: cosa cambia

La prima grande novità riguardante il Superbonus è la sua proroga fino al 2025 per gli edifici che contano da due a quattro unità immobiliari: rimarrà inalterato al 110% nel 2023 e diminuirà al 70% nel 2024 e al 65% nel 2025. Inoltre, rispetto allo scorso anno, nel 2022 sarà cancellato il tetto ISEE dei 25.000 euro per accedere al bonus se si possiede una villa unifamiliare, a condizione che alla data del 30 giugno 2022 siano stati effettuati lavori per almeno il 30% dell’intervento complessivo. Per chi ha scelto la detrazione del beneficio fiscale nella dichiarazione dei redditi, la suddivisione della detrazione cambia in base all’anno in cui vengono sostenute le spese: ci saranno cinque rate uguali per spese sostenute nel 2020 e nel 2021, quattro rate uguali per spese effettuate nel 2022. Le spese si considerano sostenute nell’anno in cui sono state effettivamente pagate.

Bonus mobili

La Legge di Bilancio ha confermato, a partire dal 2022 e per il prossimo triennio (fino al 2024), anche il cosiddetto Bonus mobili ed elettrodomestici – ovvero una detrazione IRPEF del 50% per l’acquisto di mobili (letti, armadi, cassettiere, librerie, tavoli sedie, comodini, e tutto quanto costituisce un necessario completamento dell’arredo dell’immobile) e grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A o superiore per i forni e lavasciuga), destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione; nell’importo delle spese sostenute per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici possono essere considerate anche le spese di trasporto e di montaggio dei beni acquistati, purché le spese stesse siano state sostenute con le modalità di pagamento richieste per fruire della detrazione (bonifico, carte di credito o di debito). Anche in questo caso, tuttavia, ci sono delle novità: innanzitutto l’utilizzo del bonus sarà possibile fino al 2024 per chi non ne ha ancora usufruito. Oltre a questo, nel prossimo triennio si assisterà ad un progressivo abbassamento su cui calcolare la detrazione: se nello scorso anno il tetto era stato elevato a 16.000 euro, già da quest’anno è stato abbassato a 10.000 euro, e subirà un ulteriore abbassamento a 5.000 euro nel 2023 e nel 2024.

Le altre agevolazioni

Confermato anche per quest’anno il Bonus Facciate, per rinnovare l’esterno di case e palazzi – anche se il suo valore cala a coprire solo il 60% della spesa (lo scorso anno era al 90%). Una novità riguarda inoltre l’abbattimento delle barriere architettoniche, per cui è previsto un bonus al 75% attraverso l’istallazione di ascensori o montacarichi. Prorogata anche, sempre fino al 2024, l’agevolazione fiscale per la ristrutturazione di terrazze e giardini di immobili privati: si tratta di una detrazione di imposta del 36% su una spesa massima di 5.000 euro (si potranno detrarre, quindi, al massimo 1.800 euro).

Un’importante novità che riguarda il superbonus e le altre agevolazioni per la casa è l’approvazione del decreto anti-frode (in vigore dal 12 novembre dello scorso anno) – una misura volta a frenare le frodi nell’ottenimento dei bonus e degli sconti.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook