Uno studio dimostra tutti i benefici e gli effetti positivi di crescere con un fratello o sorella con disabilità

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un nuovo studio dimostra quanto giovamento si possa trarre dall'avere fratelli o sorelle affette da disabilità

La ricetta del porridge senza cottura

Attorno alla disabilità ruotano purtroppo tutt’oggi preconcetti e stereotipi e se per alcuni questa condizione può essere distante da quella che si considera “normalità” e dallo stress che ne deriva, per altri invece è un vero e proprio arricchimento e a dimostrarlo è la scienza.

Un recente studio condotto dalle università di Cambridge, Toronto e Gerusalemme e pubblicato sul giornale Child Development ha evidenziato tutti i benefici che i bambini hanno nel crescere accanto a fratelli e sorelle disabili gemelli. Il primo tra questi è l’empatia cognitiva ossia la capacità di percepire, comprendere ed identificarsi con i pensieri dell’altro che costituisce la base delle relazioni sociali.

I ricercatori hanno seguito 1.657 famiglie di gemelli nati nel 2004-2005 – di cui 63 con uno dei figli disabili – somministrando ai bambini dell’età di 11 anni dei questionari e dei test al computer per osservare l’empatia ed il comportamento prosociale dei gemelli. Anche i genitori sono stati coinvolti nello studio e hanno compilato lo stesso questionario dei figli, valutando le loro abitudini.

I risultati hanno mostrato che i gemelli che avevano un fratello o una sorella disabile hanno ottenuto più punti degli altri, dimostrando una maggiore empatia. Anche i genitori con uno dei figli disabili hanno descritto l’atteggiamento dell’altro figlio come pronto ad aiutare di più, compassionevole e riflessivo e più maturo per la sua effettiva età. Una maggiore propensione all’ascolto e alla comprensione dei problemi dell’altro. Tutte doti più che positive che, secondo gli esperti, i bambini posseggono già, ma che possono implementare grazie al contatto con il proprio gemello disabile.

Le scoperte, secondo Yonat Rum una dei coautori dello studio, sono molto interessanti poiché oltre a farci vedere con altri occhi la disabilità, potrebbero essere applicate anche in altri campi delle relazioni e delle skills sociali.

Fonte: Child Development 

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Leggi anche:

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue, attivista e volontaria per i diritti degli animali. Amante della cucina vegetale, di vini rossi e di tutto ciò che profumi di cannella.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook