Back to school: dai pediatri 5 consigli per tornare a scuola con meno stress

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ecco alcuni utili consigli per affrontare al meglio il rientro scuola e per fare in modo che i ragazzi tornino tra i banchi in maniera graduale e senza stress

Settembre è arrivato e comincia la conta dei giorni che ci separano dal ritorno a scuola. Presto le aule si riapriranno e quei monelli che ci hanno (stra)riempito le giornate estive dovranno di nuovo darsi da fare tra i banchi e con i compiti a casa. Ma siamo sicuri che i nostri bimbi siano preparati?

Passeggiate, lunghi bagni a mare, qualche snack di troppo, a letto tardi e giochi a go go: l’estate libera e bella dovranno ora lasciarla alle spalle e se mamma e papà sono pronti prontissimi e aspettano con ansia il suono della campanella, i nostri ragazzi potrebbero esserlo un po’ meno.

Dovranno, insomma, rimettersi in carreggiata e rientrare nell’ordine di idee che comincia una nuova stagione. Positività, ma anche tanta grinta e genitori alleati per un nuovo anno scolastico!

Per i piccoli, ma anche per i più grandi, la Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale forniscea alcuni utili consigli per affrontare al meglio il rientro sui banchi e per fare in modo che i ragazzi abbiano un rientro graduale e piacevole a scuola.

Come tornare a scuola senza stress

  1. Buona alimentazione, si ricomincia! Dite addio a doppia razione di gelato giornaliera, alle patatine di metà mattinata e al junk food spropositato. Rammentate il numero dei pasti: 5 al giorno, suddivisi in due pasti principali, una colazione e due spuntini a metà mattino e pomeriggio. Frutta e verdura a go go per ridare energia a mente e corpo
  2. Riprendiamo prima le attività fisiche, per cominciare a scaricare lo stress, combattere in maniera naturale i malumori e conciliare il sonno
  3. Riposo adeguato: è necessario che i bimbi riposino in maniera corretta. Ma quante ore dovrebbero dormire i bambini durante la notte?
    In media un bambino di età compresa 3-5 anni dovrebbe dormire non meno di 10-13 ore; dai 6 ai 10 anni non meno di 9-11 ore e non meno di 8-9 ore per i bambini della fascia di età compresa tra gli 11 e i 13 anni”, secondo le recenti indicazioni della Sleep Foundation.
    Sono infatti numerosi gli studi che confermano come i bimbi che non dormono a sufficienza difficilmente otterranno buoni risultati a scuola, poiché la privazione del sonno incide negativamente sulla memoria, sulla capacità di giudizio, sull’attenzione e sulla stabilità emotiva. Secondo la SIPPS, inoltre, nelle ore serali bisognerebbe vietare videogiochi, tablet, computer o televisione, che possono provocare ansia e agitazione ed alterare i normali ritmi del sonno
  4. Prima colazione, mai dimenticarla! Per riprendere al non dimentichiamo l’importanza della prima colazione, che deve offrire la giusta quantità di zuccheri, vitamine e grassi necessari per affrontare al meglio, e con energia, il resto della giornata
  5. Riprendere la vecchia abitudine di andare a letto presto la sera, per essere svegli e vigili al mattino e, infine, ricordatevi che l’organismo dei bambini, come quello degli adulti, funziona meglio se c’è regolarità quotidiana in orari e nelle attività

Seguici su Telegram Instagram Facebook TikTok Youtube

Leggi anche

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook