Tassa Rifiuti: in Emilia Romagna meno differenzi e più paghi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Rifiuti urbani: è rivoluzione in Emilia Romagna la cui giunta regionale ha deciso di introdurre entro il 2020 una bolletta che si pagherà “a peso”. È prevista, infatti, una “tariffazione puntuale” che non calcolerà la tassa in base alla metratura dell’appartamento ma sulla quantità effettiva di rifiuti prodotti. In pratica, chi più inquina e meno differenzia, paga. Come è giusto che sia.

In più si mettono in campo anche nuovi incentivi rivolti ai Comuni che inviano meno rifiuti allo smaltimento. La Regione, insomma, è pronta ad entrare nel vivo della nuova gestione dei rifiuti approvando un progetto di legge che promuove il riciclaggio e la prevenzione e fissa determinati obiettivi.

Quali? Una raccolta differenziata al 73%, la riduzione del 25% della produzione pro-capite dei rifiuti urbani, il riciclaggio al 70%, il contenimento delle discariche e l’autosufficienza regionale.

Come funziona

Un quadro più che roseo che vedrà la sua realizzazione anche grazie a una “economia circolare“, in cui non vi siano prodotti di scarto e in cui le materie vengono costantemente riutilizzate, e tramite la cosiddetta “tariffazione puntuale“, ovvero sistemi attraverso i quali si paga per quanto si conferisce. In pratica, si pagherà in relazione all’effettivo servizio erogato e non in base ai metri quadri o al numero dei componenti della famiglia

obiettivi rifiuti er 1

Ciò significa anche responsabilizzazione dei cittadini attraverso l’applicazione del principio “chi inquina paga”: ogni cittadino riceverà un certo numero di sacchetti “tracciabili”, con tanto di codice a barre che lo identificherà. Per smaltire i rifiuti, con il porta a porta o con i cassonetti, ci si potrà servire solo dei sacchetti ricevuti (anche perché i cassonetti saranno chiusi e riconosceranno l’utente). In base al numero dei sacchetti utilizzati, i Comuni calcoleranno la tassa da fare pagare.

obiettivi rifiuti er

Il progetto di legge, inoltre, prevede la costituzione presso l’Atersir di un fondo a sostegno delle gestioni meritorie, relativamente agli utenti dei comuni che abbiano raggiunto una determinata quantità pro capite di produzione di rifiuto urbano non inviato a riciclaggio, e a sostegno della trasformazione del servizio con modelli innovativi di raccolta tesi per incrementare i rifiuti da destinare a riciclaggio e per la realizzazione dei centri comunali per il riuso (la nuova legge destina un fondo di 7 milioni di euro solo per il primo anno per premiare i Comuni virtuosi).

rifiuti obiettivi er

La legge, infine, disincentiva l’uso della discarica e l’incenerimento senza recupero di energia. Sono quindi rivisti in aumento gli importi dell’ecotassa per lo smaltimento.

Raccolta differenziata, riciclaggio, produzione pro capite e autosufficienza in ambito regionale, insomma, le parole chiave per consegnare alle generazioni future un territorio più pulito e più sano. E se il resto di Italia, soprattutto al sud, ne prendesse esempio?

Germana Carillo

Foto: Regione Emilia Romagna

LEGGI anche:

RAPPORTO RIFIUTI URBANI 2014: SPAZZATURA IN CALO E SI DIFFERENZIA DI più

TARES, CHI INQUINA PAGA: LA PETIZIONE PER MODIFICARE LA TASSA SUI RIFIUTI

TASSA SUI RIFIUTI: QUANTO CI COSTA?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook