Xylella: dalla Corte UE via libera all’abbattimento degli ulivi anche per le piante sane

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La Corte di Giustizia Europea ha dato il via libera all’abbattimento degli ulivi del Salento colpiti dalla Xylella fastidiosa, comprese le piante sane nel raggio di 100 metri dagli alberi infettati. La Puglia rischia di perdere un patrimonio agricolo e naturale inestimabile, ma per fortuna non è ancora detta l’ultima parola.

Ciò che rende la decisione europea davvero difficile da digerire è il fatto che non è stato ancora scientificamente provato alcun nesso causale tra il batterio Xylella fastidiosa e il disseccamento rapido degli ulivi.

Alcuni agricoltori salentini avevano presentato ricorso contro la decisione europea di abbattere gli ulivi sani e malati rivolgendosi al Tar del Lazio. La speranza era che gli ulivi del Salento si potessero salvare dagli abbattimenti proprio grazie ad un pronunciamento il positivo della Corte di Giustizia Europea.

Ora il timore è che gli abbattimenti diventino obbligatori sulla base del principio di precauzione, dato che eliminare le piante sane presenti entro i 100 metri da un ulivo infetto sarebbe, secondo l’Europa, una misura di protezione.

La lotta per difendere gli ulivi del Salento, per fortuna, non è ancora finita. Infatti in precedenza il Tar del Lazio aveva richiesto di sospendere gli abbattimenti degli ulivi in attesa della decisione della Corte di Giustizia Europea.

Leggi anche: XYLELLA: L’UE ORDINA DI ABBATTERE TUTTI GLI ULIVI INFETTI

Adesso che la corte UE si è pronunciata, la parola passa al Tribunale Amministrativo Italiano che dovrà riprendere in considerazione e rivedere l’intera questione, nella speranza che si pensi innanzitutto alla sopravvivenza degli alberi e a salvare gli ulivi.

Leggi anche: LA XYLELLA È LA VERA CAUSA DELLA MORTE DEGLI ULIVI DEL SALENTO, PAROLA DELL’EFSA

Gli agricoltori pugliesi devono continuare a lottare, anche perché, per fortuna negli ultimi mesi la Procura di Lecce è intervenuta per salvare 3000 ulivi che avrebbero dovuto essere abbattuti secondo il Piano Silletti (ora non più in vigore). Ci auguriamo che siano l’Italia e la Puglia, e non l’Europa, a prendere una decisione definitiva sugli ulivi salentini e che soprattutto si tratti di una presa di posizione in difesa degli alberi e degli agricoltori.

Marta Albè

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook