@ UK Cop26

Youth 4 climate: le 4 sfide su cui si confronteranno 400 ragazzi di tutto il mondo alla Cop26

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Al via domani la conferenza che coinvolge 400 giovani provenienti da tutto il mondo, chiamati a fare proposte concrete per salvare il Pianeta dalla crisi climatica

A fine agosto scorso si è conclusa la selezione dei 400 giovani di età compresa fra i 15 e i 19 anni, che parteciperanno a Youth4Climate: Driving Ambition – il primo evento di lotta ai cambiamenti climatici che si svolgerà a Milano dal 28 al 30 settembre 2021. Tre giorni di dibattiti e workshop in vista della 26° Conferenza delle Parti, in cui i giovani attivisti partecipanti avranno l’occasione di confrontarsi direttamente con i rappresentati dei governi presenti. I risultati dell’incontro saranno portati alla COP26 che si terrà a Glasgow a novembre e saranno condivisi anche nelle altre riunioni delle Nazioni Unite dedicate allo sviluppo sostenibile.

La selezione dei giovani ha cercato di mantenere la parità di genere e di provenienza geografica (i ragazzi rappresentano 186 paesi dei mondo, fra cui anche paesi poco rappresentati come Andorra, Brunei, Isole Cook, Eritrea, Gabon, Nauru, San Marino, Slovenia e Tuvalu), e ha premiato al contempo l’attivismo dei ragazzi sui temi del cambiamento climatico e dello sviluppo sostenibile. I ragazzi sono stati selezionati grazie ad un questionario volto a far emergere le loro capacità di pensiero strategico e di leadership, e la loro motivazione nella causa ambientale.

(Leggi anche: Youth4Climate: la 20enne messicana selezionata dalle Nazioni Unite per il suo progetto sul ruolo delle donne nella lotta alla crisi climatica)

Quattro sono i grandi temi che verranno trattati nelle tre giornate milanesi, per i quali i giovani sono chiamati a fare proposte concrete:

  1. Youth Driving ambition: favorire la partecipazione dei giovani nei processi decisionali per mettere in atto azioni concrete per il raggiungimento degli obiettivi dell’Accordo di Parigi;
  2. Sustainable recovery: coniugare la ripresa economica dopo la pandemia con l’attuazione degli obiettivi dall’Accordo di Parigi (in questa sezione saranno approfonditi temi quali transizione energetica e green jobs, turismo sostenibile);
  3. Non-state actors’ engagement: analizzare il ruolo degli attori non-governativi nella lotta al cambiamento climatico e nei settori che hanno un impatto nella vita quotidiana dei giovani;
  4. Climate conscious society: costruire una società più consapevole delle sfide climatiche, attraverso l’educazione ambientale, la sensibilizzazione dell’opinione pubblica, l’importanza delle popolazioni indigene.

I primi due giorni della convention saranno dedicati allo sviluppo di una dichiarazione, mentre nell’ultimo i giovani avranno la possibilità di discutere i temi ambientali con i ministri presenti. Il documento finale conterrà proposte e raccomandazioni sui temi da discutere con i rappresentanti dei governi che si riuniranno nei tre giorni seguenti (in occasione della PreCop) e a Glasgow il prossimo novembre. L’evento è stato organizzato dal nostro Ministero della Transizione Ecologica, che si è occupato della selezione dei ragazzi e che ha provveduto a sostenere le spese di viaggio e alloggio dei partecipanti selezionati.

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Fonti: Ministero della Transizione Ecologica / UK Cop26

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ho 25 anni e sono laureata in Lingue Straniere. Sono da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile. Tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook