Ansia climatica: più della metà dei giovani pensa che “l’umanità sia condannata”, lo studio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Giovani di tutto il mondo temono i rischi della crisi climatica in atto e si dicono 'terrorizzati' dal futuro davanti a loro

Giovani di tutto il mondo temono i rischi della crisi climatica in atto e si dicono ‘terrorizzati’ dal futuro davanti a loro, secondo questo studio

I giovani del nostro millennio si trovano a fronteggiare molto più che le ansie legate alla crescita, alla ricerca di un lavoro e di strategie per sostentare la propria famiglia. Ogni giorno i media li mettono di fronte alla prospettiva di temperature sempre più alte, alluvioni devastanti, fenomeni climatici estremi, e tutto questo genera ansia, smarrimento, in molti casi panico.

Un nuovo studio internazionale, condotto da ricercatori provenienti da Regno Unito, Stati Uniti e Finlandia, dimostra che la crisi climatica in atto è causa, tra le altre cose, anche di malessere per i giovani di tutto il mondo: secondo i ricercatori, infatti, il 45% degli adolescenti e dei giovani afferma di soffrire di ‘ansia climatica’ e che questa ha effetti profondi sulla loro vita. interessante è osservare come l’ansia venga percepita in maniera più pressante in quei paesi i cui governi si mostrano inattivi sul piano della difesa dell’ambiente.

I ricercatori hanno intervistato circa 10.000 giovani fra i 16 e i 25 anni fra febbraio e marzo di quest’anno: i partecipanti sono stati individuati in dieci nazioni in tutto il mondo – fra cui Brasile, Portogallo, India, Stati Uniti e Regno Unito. In generale, tre quarti dei giovani intervistati hanno dichiarato che il futuro è ‘terrificante’, e più della metà ritiene che l’umanità sia ‘spacciata’; 4 giovani su 10 dichiara di essere restio all’idea di avere dei figli. La preoccupazione per il clima e l’ambiente sembra essere più alta nei paesi poveri – paradossalmente, quelli che meno hanno contribuito ai danni all’ecosistema: nelle Filippine, per esempio, il 92% degli intervistati concorda nel sostenere che il futuro che ci aspetta è ‘terrificante’ (contro il 68% degli Stati Uniti).

(Leggi anche: La paura di un’apocalisse climatica impedisce alle persone di avere figli. Lo studio)

Più della metà degli intervistati inoltre (58%) lamenta l’inattività dei propri governi nazionali nella lotta al riscaldamento globale: il numero si fa particolarmente alto (77%) in Brasile, dove i fenomeni di deforestazione e incendi che hanno colpito l’Amazzonia sono aumentati sotto il governo Bolsonaro. L’inattività perpetrata dai governi è così deleteria per la salute mentale dei più giovani che sarebbe da considerarsi una vera e propria violazione dei diritti umani, secondo gli autori dello studio.

I ricercatori hanno utilizzato l’espressione ansia climatica per racchiudere le molteplici emozioni – preoccupazione, paura, disperazione, senso di colpa, rabbia – che le persone provano ogni volta che si confrontano con i temi del cambiamento climatico. Queste emozioni sono una risposta razionale che non andrebbe ignorata, come invece troppo spesso accade.

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: The Lancet

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook