Vittoria! TripAdvisor non venderà più biglietti per delfinari e show con animali marini

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

TripAdvisor ha annunciato che non venderà più biglietti per delfinari, show con mammiferi acquatici e attrazioni simili che non soddisfano i suoi nuovi standard sul benessere degli animali.

Il noto portale turistico ha preso una posizione molto netta a favore degli animali dichiarando ufficialmente che smetterà di vendere biglietti per luoghi in cui sono previsti show con animali marini. Non vuole infatti in alcun modo guadagnare denaro grazie a partnership con aziende che sfruttano e fanno soffrire animali come delfini, balene e foche solo per far divertire il pubblico.

In questo modo, la più famosa piattaforma di recensioni turistiche al mondo, vuole dare il suo contributo per impedire che nuove generazioni di animali marini vengano richiusi in cattività con tutto quello che ne consegue. La decisione, non a caso, è stata presa in seguito a delle consultazioni con biologi marini, zoologi e ambientalisti che hanno portato prove scientifiche delle condizioni in cui sono costretti a vivere gli animali in cattività.

Noi sappiamo bene, e vi abbiamo parlato più volte, di quanta sofferenza animale vi è dietro l’apparente divertimento che offrono i delfinari e luoghi simili. Ricordate ad esempio i delfini maltrattati a Madrid o il cucciolo morto durante uno spettacolo? 

Ma tornando a TripAdvisor, come annunciato in una nota:

“Qualunque attività commerciale che allevi o importi cetacei per mostrarli al pubblico da oggi non avrà più la possibilità di vendere biglietti su TripAdvisor e Viator (brand sussidiario in cui prenotare tour e attività turistiche n.d.r)”

I prodotti che attualmente possono essere ancora acquistati verranno tutti rimossi e la nuova policy del portale sarà effettivamente e completamente attiva alla fine dell’anno. (Qui trovate la policy completa di TripAdvisor relativamente alla questione animali)

La dichiarazione rilasciata dal direttore delle comunicazioni aziendali della società, James Kay, è molto chiara. Per continuare qualsiasi tipo di relazione commerciale con TripAdvisor le aziende dovrebbero:

“impegnarsi pubblicamente a cessare qualsiasi allevamento e importazione di cetacei da mostrare con effetto immediato o a sviluppare modelli alternativi come i santuari di mare (che infatti non rientrano nella nuova stretta sulla policy di TripAdvisor, n.d.r.)”

I santuari di mare sono luoghi in cui gli animali sono liberi di stare nel proprio habitat ma dove comunque vengono monitorati e salvaguardati.

Anche il presidente di TripAdvisor Experiences and Rentals, Dermot Halpin, è intervenuto sulla questione  sperando che in futuro balene e delfini possano vivere solamente liberi nel mare, il loro ambiente naturale.

Ha aggiunto poi una cosa molto importante:

“ci auguriamo che questa posizione venga adottata in modo diffuso nel settore dei viaggi”

La policy del noto portale turistico, lanciata nel 2016, già impegnava TripAdvisor e  Viator a non vendere biglietti per tour o altre attività in cui vi era contatto fisico tra animali selvatici e viaggiatori. Questa è stata poi aggiornata nel 2018 con l’interruzione delle vendite di show umilianti per gli animali.

Oggi è stato fatto un ulteriore passo avanti nella direzione giusta a cui speriamo diano presto seguito anche aziende del settore turistico.

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook