Non guardate il film 'Qua la zampa': cane maltrattato sul set (VIDEO)

qua la zampa peta

Boicottare il film Qua la zampa. È l'appello della Peta diffuso in seguito a un filmato che mostra il cane protagonista terrorizzato mentre viene costretto a entrare in una piscina con acqua agitata..

Qua la zampa è il titolo del nuovo film di Lasse Hallstrom, in uscita nelle sale italiane dal 19 gennaio e negli Usa dal 27 gennaio. Il titolo originale del film in inglese è "A Dog's Purpose".

Il film parla del rapporto tra esseri umani e cani, un tema molto importante e delicato. Dunque come può essere che proprio su questo set gli animali non vengano trattati nel modo giusto?

L’indignazione della PETA scatta per via di un filmato girato sul set del film che mostra un cane a dir poco terrorizzato. Pare che gli operatori stessero forzando il cane ad entrare in una grande piscina con onde, che nel film doveva rappresentare un fiume impetuoso. 

Leggi anche: #ANIMALSWEREHARMED: LA VERITÀ SUI MALTRATTAMENTI DELLE "STAR" ANIMALI DI HOLLYWOOD

La PETA chiede dunque il boicottaggio del film e l’American Humane Association ha deciso di sospendere il proprio funzionario presente sul set, dato che avrebbe dovuto garantire la sicurezza degli animali ma evidentemente non lo ha fatto a dovere.

È prevista un’indagine per capire meglio come si sono svolti i fatti. Nel frattempo Lasse Hallstrom ha dichiarato di non aver assistito a quella scena e si è detto molto turbato nel vedere il video per la prima volta.

qua la zampa peta 1

Fonte foto: PETA

"Fa sempre più discutere l'impiego di animali reali per intrattenimento, come in film, telefilm, pubblicità e spettacoli televisivi. Recente il caso del film "A Dog's Purpose", in italiano "Qua la zampa" dove un cane viene fortemente abusato per realizzare una scena e che quindi invito a boicottare. Ma andrebbero boicottati anche tutti gli utilizzi di animali veri, anche in situazioni dove vengono addestrati con gentilezza. Animali che possono essere tranquillamente sostituiti dalla tecnologia, come già accade da anni e questo non solo nell'industria dell'intrattenimento, ma in tutte quelle industrie che usano e addestrano animali per fini antropocentrici" – ha commentato Francesco De Giorgio, etologo specializzato in animal cognition e animal ethic.

Leggi anche: CHIUDE IL CIRCO BARNUM DOPO 146 ANNI, GLI ANIMALI SONO SALVI!

Se davvero gli animali possono partecipare al set di un film quasi come se fossero degli attori – pensiamo ai tanti film e telefilm famosi in tutto il mondo con gli animali come protagonisti – deve essere mantenuto il loro diritto al benessere e alla salute. Non è giusto che un animale venga maltrattato, terrorizzato o spaventato sul set di un film.

Purtroppo quello che rappresenta un divertimento per noi può facilmente diventare un abuso nei confronti degli animali.

“Ci sono attori cani, e cani attori. I primi scelgono di recitare nonostante tutto, i secondi devono recitare nonostante non vogliano.

Per comprendere quanto accaduto sul set di Qua la zampa guardate il video che la PETA ha pubblicato sulla propria pagina Facebook e sul proprio sito per chiedere il boicottaggio del film.

Secondo la PETA purtroppo i maltrattamenti degli animali sul set sono la norma, non un'eccezione.

Firma qui la petizione per contribuire a migliorare la situazione.

Marta Albè