Fuochi d’artificio sul Monte Rushmore: Trump dà l’ok nonostante rischio incendio, coronavirus e inquinamento

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Erano stati vietati per via delle concentrazioni pericolose di neurotossina di perclorato che rimanevano a valle, ma adesso dopo oltre un decennio, i fuochi d’artificio illumineranno il cielo del Monte Rushmore come parte della celebrazione del 4 luglio. A volerlo il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, per un evento che dovrebbe attirare migliaia di persone da tutto il mondo, nonostante coronavirus, incendi e preoccupazioni sull’inquinamento idrico.

Trump ha voluto fortemente il ritorno dei giochi pirotecnici che non si vedevano dall’ultimo memoriale del 2009. Il perché è molto semplice. I funzionari del National Park Service avevano vietato i fuochi a causa del rischio aumentato di incendi legati alle infestazioni di scarabei di pino nella foresta circostante, ma anche perché contribuivano alla creazione di pericolose concentrazioni di neurotossine di perclorato.

Eppure Trump, alle preoccupazioni ha risposto: “Cosa può bruciare? È pietra”.

Sarà pure pietra, ma a pochi chilometri a sud del Monte Rushmore attualmente c’è un incendio. Un ex responsabile della gestione degli incendi del National Park Service che ha supervisionato il Monte Rushmore e altri sei siti del parco nazionale nella zona, non è d’accordo con la valutazione fatta da Trump e sostiene che fare fuochi d’artificio in un’area boschiva è poco saggio, in vista anche del problema siccità.

A causa dei cambiamenti della crisi climatica nelle precipitazioni, le condizioni sono idonee per una catastrofe. Il livello di umidità di Black Hills in aprile e maggio è stato del 30-50% inferiore alla sua media a lungo termine. Giugno è stato più caldo e più secco del normale e le previsioni suggeriscono che tali condizioni continueranno fino a luglio, come riportato dall’Associated Press .

Senza considerare che sono già stati distribuiti 7500 biglietti, mentre è in corso una pandemia globale. Il conteggio dei casi Covid-19 nel South Dakota è rimasto relativamente stabile nelle ultime settimane. Ma circa il 70% delle persone arriveranno da altri stati. I biglietti sono stati assegnati attraverso un sistema di lotteria. Gli stati che avevano il maggior numero di richiedenti erano California, Colorado, Minnesota, Texas, Washington, Utah, Oregon, Wyoming, Nebraska, Illinois e Florida.

Ma per il sito web del turismo la situazione è sotto controllo, dopo “l’infestazione di scarabei che ha distrutto la maggior parte di alberi che circondano il memoriale, i giochi pirotecnici sono sicuri”. Così sicuri che da anni, sono vietati anche per un altro motivo, le preoccupazioni per l’approvvigionamento idrico locale. Un rapporto del US Geological Survey del 2016 ha scoperto che i fuochi d’artificio annuali del Monte Rushmore erano la probabile causa di elevate concentrazioni di perclorato di neurotossina nelle acque sotterranee locali. E ricordiamo che il perclorato è stato collegato al danno cerebrale nei neonati. Eppure per adesso è tutto confermato in un luogo che per i nativi era sacro.

“Il monte Rushmore è un simbolo della supremazia bianca, del razzismo strutturale che è ancora vivo e vegeto nella società di oggi”, ha detto all’Associated Press Nick Tilsen, membro della tribù Oglala Lakota e presidente di un’organizzazione attivista locale chiamata NDN Collective . “È un’ingiustizia rubare la terra degli indigeni e scolpire le facce bianche dei conquistatori che hanno commesso un genocidio”.

Fonte: Washington Post/ Argus Leader/Associated Press

Leggi anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Carnitina

Benefici, controindicazioni e quando è consigliato assumerla

Cristalfarma

Meteorismo e pancia gonfia? Migliora la tua digestione con l’alimentazione e non solo…

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook