Sostenibilita_2.0Si aprono oggi a Torino i lavori del Forum Internazionale che fino al 4 Marzo vedrà 600 ragazzi italiani e 50 ragazzi provenienti da 7 paesi europei ( Francia, Olanda, Romania, Spagna, Ungheria, Bulgaria, Lituania) confrontarsi sui temi della sostenibilità. L'evento si chiama Democrazia 2.0-Sostenibilità e si articola in una serie di workshop, tavoli di lavoro, sedute plenarie e semi-plenarie durante le quali i ragazzi affronteranno il grande tema della sostenibilità sotto il profilo etico, economico-sociale e ambientale.

Quattro giorni di lavoro e il dialogo con i rappresentanti di discipline diverse aiuteranno i ragazzi a orientarsi nell'immensa giungla dei significati della parola sostenibilità. L'obiettivo è riuscire a sintetizzare le riflessioni accumulate durante gli incontri in un Manifesto che verrà successivamente diffuso su Internet e in giro per la città di Torino e prima ancora sarà discusso con Trevor Fitzgibbon, uno dei più importanti attivisti del movimento MoveOn.org, noto ai più per essere riuscito a mobiitare quasi un milione di volontari per la campagna di Obama e a raccogliere decine di milioni di dollari per sostenere il candidato alle presidenziali.

Cosa differenzia dunque questo Forum da tutti quelli di cui siamo abituati a sentire parlare? Del resto il termine sostenibilità entra ormai di diritto in qualsiasi titolo o sottotitolo di conferenza o tavolo di lavoro o chiacchierata tra amici, a rischio, come dice Serge Latouche di essere ormai un vero e proprio "concetto di moda".

Innanzitutto i protagonisti: ragazzi che vanno dai 16 ai 25 anni, studenti, giovani che fanno parte di quella fantomatica generazione che con i danni provocati dal consumo irragionevole delle risorse di questo Pianeta dovranno fare realmente i conti.

In secondo luogo la divisione in aree tematiche. Non sostenibilità come termine "acchiappatutto" ma come categoria da interpretare in maniera diversa a seconda che si parli di: acqua, aria, terra, energia o città.

In terzo luogo la democrazia quale ambito dentro il quale inserire la discussione: la sostenibilità non può diventare un obiettivo condiviso e radicato nella società se non viene affrontata nel rispetto delle modalità che determinano la convivenza democratica.

Infine il metodo educativo e il processo che ha condotto 600 ragazzi a riunirsi a Torino per 4 giorni. Il percorso di avvicinamento all'evento infatti ha avuto inizio nel settembre del 2009 quando un gruppo di ricercatori ha iniziato a stilare una prima serie di documenti sulla sostenibilità che sono stati distribuiti nelle scuole e tra gli studenti che si erano resi disponibili a partecipare al progetto. Attraverso l'aiuto dei docenti, sono emerse le categorie di studio e da quel momento è iniziata una discussione a cui è seguito un confronto che si è svolto sia sul fronte reale sia su quello reale.

Sostenibilita_20jpg

Da Novembre a marzo, parallelamente ai 60 incontri guidati e coordinati da 60 formatori dell'associazione Acmos, è stato aperta una piattaforma di discussione online che in breve tempo ha aggregato una vivace community. Attraverso Youtube, Facebook, Twitter e gli Rss i ragazzi hanno condotto un dialogo costante approfondendo i temi, ognuno secondo i propri ambiti di interesse, rimanendo continuamente aggiornati e aggiornandosi reciprocamente attraverso status, commenti e opinioni lasciate sulle rispettive bacheche.

Sostenibilità. Dunque. Ma sotto una lente d'ingrandimento diversa.

Porte chiuse ormai per chi volesse partecipare al Forum, ma uno stimolo concreto per chiunque volesse cominciare a riflettere sulla sostenibilità come un concetto da condividere e non solo da lasciare in mano ai saggisti e agli economisti.

Che comunque non mancheranno a Torino in questi giorni. Per chi avesse tempo e modo sono infatti previsti alcuni importanti incontri che, a corollario delle giornate di lavoro, apriranno il dialogo anche con la cittadinanza. Oggi, 1 marzo Jean Paul Fitoussi noto economista affronterà il tema della sostenibilità sotto il profilo delle diseguaglianze. Domani, 2 marzo interviene Woodrow Clark - co-vincitore insieme con Al Gore del Nobel per la pace nel 2007 - che parlerà del futuro dell'economia. Infine il 3 marzo sarà la volta di Carlo Petrini, fondatore di Slow Food, che affronterà il tema della sovranità alimentare e del diritto al cibo.

maschera lavera 320

Lavera

Come preparare la pelle del viso all’estate in 5 mosse

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram