Perché dovresti sempre aggiungere due foglie di alloro quando cucini broccoli e cavolfiori

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Scopri il motivo per cui due foglie di alloro possono diventare le tue migliori alleate quando vuoi cucinare broccoli o cavolfiori.

Tra le verdure più consumate in questo periodo troviamo sicuramente broccoli e cavolfiori, due verdure ricche di nutrienti e molto versatili anche se quando si cucinano si può andare incontro ad uno spiacevole problema: sono due alimenti che sprigionano odori estremamente sgradevoli per tutto l’ambiente di casa.

Non disperare però, esiste un semplice rimedio naturale che può farti uscire da questa fastidiosa situazione e riuscire ad eliminare (o quantomeno attutire) quel tipico odore emanato dalla cottura di queste verdure: utilizzare foglie d’alloro.

Per cucinare broccoli e cavolfiori esistono diversi metodi di preparazione, come la cottura al vapore, la bollitura in acqua salata o la cottura in padella, tutti metodi che porteranno i componenti della tua famiglia a implorarti di aprire la finestra della cucina. Per ovviare il problema dei cattivi odori, però, hai disposizione varie soluzioni:

  • se cucinati al vapore, puoi aggiungere 2 foglie di alloro nell’acqua, in modo tale che il forte odore aromatico dell’alloro riuscirà a sovrastare quello dei broccoli o dei cavolfiori; potete aggiungere anche altre spezie, come una stecca di cannella;
  • se bollite, aggiungi 2 fogli di alloro e una patata;
  • se sono invece cucinati in padella, aggiungi nella preparazione 2 foglie di alloro, magari anche con succo di mezzo limone.

Ora che sai come eliminare (o, perlomeno, diminuire) i cattivi odori dalla tua cucina, niente ti può fermare dall’utilizzare broccoli e cavolfiori per preparare le tue ricette preferite!

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Sui broccoli e sui cavolfiori ti potrebbero interessare anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureando di Organizzazione e marketing per la comunicazione d'impresa all'Università La Sapienza, appassionato del web e delle dinamiche del mondo digitale.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook