Haworthia Cooperi, alla scoperta della pianta grassa che sembra di vetro trasparente

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Hai mai sentito parlare dell’Haworthia Cooperi? Questa pianta succulenta è molto particolare perché non solo cresce in larghezza, ma presenta delle foglie che sembrano di marmo e vetro trasparente

Haworthia Cooperi è una varietà piuttosto rara di pianta grassa. Si tratta di una specie abbastanza diversa dalla tipica varietà Haworthia, che per lo più sembrano mini aloe con foglie dai bordi ruvidi.

Infatti, la specie Cooperi ha una forma a rosetta con foglie bulbose molto particolari, che sembrano fatte di marmo traslucido, molto simile al vetro; ma è interessante sapere che questo aspetto così particolare è fondamentale per la sopravvivenza stessa della pianta.

Questa pianta succulenta è molto facile da coltivare, e si caratterizza per crescere in larghezza e non amare le temperature troppo rigide.

Leggi anche: Piante grasse: quanto spesso dovresti annaffiarle? I segnali che stai dando loro poca (o troppa) acqua

Come coltivare l’Haworthia Cooperi

Haworthia Cooperi propagazione

©lovelypeace/123rf

Haworthia Cooperi è facile da coltivare, ma ha bisogno di un terriccio sabbioso e ben drenato. Il terreno non deve essere eccessivamente umido, per questo il consiglio è di inserire nel vaso anche delle rocce o della ghiaia.

Per quanto riguarda le irrigazioni, il segreto è controllare spesso il terreno e annaffiarlo fino a che non lo si sente asciutto. In inverno le irrigazioni vanno effettuate molto sporadicamente, mentre nei mesi più caldi vanno intensificate.

Ricorda, inoltre, che questa succulenta non ama il sole diretto; quindi, per ottenere i migliori risultati ti consigliamo di coltivare l’Haworthia Cooperi in piena luce, ma mai sotto il sole diretto. Se il livello di luce è troppo basso, però, l’Haworthia Cooperi perde il colore delle foglie.

Tieni a mente che questa specie è originaria delle regioni sudafricane, per questo predilige temperature miti, tra i 20 e i 22°; anche l’umidità è ben tollerata, ma occorre fare attenzione alle radici perché potrebbe avere problemi di marciume radicale.

Propagazione per talea

Haworthia Cooperi coltivazione

©pticelov/123rf

Le piante di Haworthia Cooperi sono facilissime da propagare. Attecchiscono da talee di fusto o foglie, per cui la moltiplicazione per talea è abbastanza semplice, ma ricorda che il momento migliore per farlo è la primavera oppure in estate.

Ecco come procedere:

  • taglia alcune foglie dall’estremità del terreno di una pianta madre priva di insetti, avendo cura di tagliare sotto il nodo
  • lascia riposare la talea fino a quando non si forma un callo sul taglio. Questo è un passo importante nella propagazione per ridurre al minimo le possibilità di marciume
  • usa un terriccio composto da un mix di terreno, muschio di torba e perlite, per favorire il radicamento
  • non premere il terreno attorno al gambo. Lascia che il taglio finisca semplicemente a contatto con il terreno umido
  • annaffia al mattino nebulizzando una volta ogni due giorni, mantenendo la pianta in una zona ombreggiata.

Le nuove piante cresceranno dalla base delle foglie in circa sei-otto settimane. Dopo che hanno circa due foglie ciascuna, trapiantale con cura all’interno di vasi.

Per la propagazione in acqua dell’Haworthia Cooperi il procedimento è più o meno lo stesso, tranne per il fatto che occorre inserire le foglie nell’acqua invece che nel terreno. Ecco come procedere:

  • metti un batuffolo di cotone sterile all’interno di un barattolo
  • versa acqua fino a quando il batuffolo di cotone è ben bagnato
  • attacca i gambi callosi della tua Haworthia Cooperi nel batuffolo di cotone
  • mantieni il batuffolo umido, e lascia la pianta indisturbata per alcune settimane finché non vedi radici traslucide
  • dopo che le strutture radicali sono abbastanza forti trasferisci tutto in singoli vasi.

Leggi anche: Moltiplicare le piante grasse non è mai stato così facile: le tecniche per le talee perfette

Malattie e parassiti

L’Haworthia Cooperi è in generale una succulenta resistente, e non è soggetta a particolari parassiti o malattie; questa specie può essere intaccata da:

  • Marciume radicale: questa malattia si verifica quando le radici si trovano nel terreno fradicio, in particolare in condizioni di scarsa illuminazione e scarsa ventilazione. Le malattie fungine sono la causa più comune di marciume radicale.
  • Cocciniglia: se le foglie cadono dal gambo possono presentare piccoli parassiti sfocati bianchi. Probabilmente la pianta è infestata dalla cocciniglia che potrai curare lavandola accuratamente, fino a quando tutti gli insetti non sono spariti.
  • Moscerini dei funghi: questi si verificano nel primo pollice del terreno se l’umidità non viene gestita in modo ottimale. Assicurati, quindi, di lasciare asciugare completamente il terreno prima di annaffiare.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube 

Altre piante grasse facili da coltivare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook