Caprifoglio: come coltivare la lonicera in vaso e in giardino

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il caprifoglio è una pianta che richiede poche cure, ideale da coltivare sia in vaso sia in giardino. Ecco i consigli per farla crescere sana, forte e rigogliosa.

Il caprifoglio è una delle piante più belle, con fiori meravigliosi dal colore intenso, un odore delizioso e l’aspetto davvero piacevole. Questa pianta è originaria di Cina, India, Europa e Nord America, e cresce allo stato selvatico anche nel Regno Unito. Una delle cose più belle durante una passeggiata in campagna è proprio avvistare i suoi fiori delicati, e annusare il suo profumo indimenticabile.

Si tratta di una pianta molto facile e gratificante da coltivare nel proprio giardino, se si dispone dello spazio e del terreno adatti. Ma si può coltivare il caprifoglio in un vaso? La risposta è si! Scopriamo come.

Caprifoglio: che cos’è e come coltivarlo in giardino

Il caprifoglio o Lonicera è una pianta che ha bisogno di pochissime cure. È facile da coltivare, sia in vaso sia in giardino e, in più, cresce bene anche su una terrazza, arrampicandosi a uno steccato oppure strisciando lungo un muro.

I fiori hanno un colore davvero intenso, che va dal giallo al rosso pallido, fino al rosso vibrante, e hanno una forma caratteristica e un odore inebriante. Questi fiori attirano tutti i tipi di insetti, tra cui farfalle e l’importantissima ape. Esistono oltre 180 specie di caprifoglio, e puoi persino ottenere una varietà invernale in modo che il tuo giardino sia profumato tutto l’anno.

Questa pianta ama il pieno sole e l’ombra parziale, quindi assicurati di scegliere un punto del giardino in cui riceva molta luce naturale. In più, ricorda che predilige terreni leggermente acidi, ben drenati ma non eccessivamente asciutti. È meglio inserire nel terreno del fertilizzante organico all’inizio della stagione, per dare al caprifoglio tutte le sostanze nutritive di cui ha bisogno per crescere forte e sano.

Come coltivare il caprifoglio in vaso

Ecco alcuni consigli su come coltivare il caprifoglio in un vaso.

Scegli un luogo soleggiato e umido

In natura, il caprifoglio cresce con le radici all’ombra e i rami superiori alla luce del sole. Quindi, per prima cosa assicurati che riceva abbastanza luce solare, o non fiorirà e potrebbe persino perdere le foglie.

Pianta al momento giusto dell’anno

Pianta il tuo caprifoglio in primavera, dopo che le ultime gelate sono definitivamente passate in modo da dargli le migliori possibilità di sopravvivenza. Sono piante resistenti che sopravvivono all’inverno, ma andranno in letargo durante i mesi più freddi, quindi è meglio non tentare di rinvasarle in questo momento.

Installa i supporti per il tuo caprifoglio

Per avere un caprifoglio rampicante scegli una buona struttura robusta per farlo crescere. Puoi posizionare il vaso vicino a un muro o una recinzione, oppure puoi portare un traliccio o ancora posizionare dei paletti nel terreno. Ricorda, però, che questo passaggio deve essere fatto prima di piantare il caprifoglio.

Scegli un vaso grande

Scegli un vaso grande che consentirà alle sue radici di diffondersi. Il vaso dovrà anche essere abbastanza grande da contenere un supporto o un traliccio, se hai intenzione di usarne uno.

Riempi il vaso a metà con del buon compost

L’uso di un compost buono darà al tuo caprifoglio tutti i nutrienti giusti per una buona crescita. 

Metti il ​​caprifoglio nel vaso e copri le radici

La base della pianta dovrebbe essere a filo con il livello del vaso, quindi è necessario riempire gli spazi con più terriccio o compost.

Vantaggi della coltivazione del caprifoglio in vaso

Uno dei vantaggi di piantare il caprifoglio in un vaso è che puoi spostarlo dove preferisce crescere; ad esempio, potresti spostarlo in una parte più soleggiata del giardino, oppure più vicino a una struttura sulla quale può arrampicarsi. Un altro vantaggio è che puoi tenere d’occhio la sua salute molto più facilmente; ricorda che il caprifoglio è soggetto agli attacchi degli afidi, che dovranno essere rimossi a mano oppure trattati con prodotti specifici.

È una buona idea potare il caprifoglio, per incoraggiare una nuova crescita. La potatura va eseguita in autunno o in inverno, quando la pianta è dormiente e non c’è rischio di danneggiarla; puoi eseguire anche una potatura intensa che andrà a stimolare una nuova fioritura.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Altri fiori da coltivare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook