Quanto consuma davvero la tua lavatrice? Se la usi così, puoi abbassare davvero la bolletta

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La tua lavatrice incide troppo sui costi delle bollette? Basta seguire alcuni semplici accorgimenti per risparmiare un bel po' ed evitare sprechi di energia

La lavatrice è diventato ormai un elettrodomestico fondamentale al giorno d’oggi, specialmente per le famiglie numerose. Ma il suo utilizzo può gravare parecchio sulle bollette della luce, i cui costi ultiimamente stanno diventando esorbitanti. Per evitare la stangata ora più che mai è necessario imparare ad utilizzare correttamente questo elettrodomestico. Basta seguire una serie di regole: scopriamo quali.

Quanto consuma la lavatrice?

I consumi di energia della lavatrice dipendono da vari fattori, fra cui la sua classe energetica, la potenza e il tipo di programma di lavaggio che si sceglie. In media, si va da circa 150 kWh annui per una lavatrice ad alta efficienza energetica di medie dimensioni (ovvero dai 6 agli 8 chili) per arrivare fino a 430 kWh all’anno per una grande ma bassa efficienza energetica.

I consigli da seguire

Usare la lavatrice solo a pieno carico

Innanzitutto è bene ricordarsi di usarla sempre a pieno carico e di optare per i lavaggi eco. Questi ultimi ci consentono, infatti, di risparmiare fino al 40% di energia. Inoltre, quando possibile sarebbe meglio preferire i lavaggi a basse di temperature.

Pianificare i lavaggi

Un’altra regola d’oro che può aiutarci a risparmiare è  pianificare l’utilizzo della lavatrice in base alle fasce orarie più convenienti, ovvero in serata e nel fine settimana.

Scegliere la classe energetica migliore

Quando si acquista una lavatrice la classe energetica rappresenta un elemento da non sottovalutare affatto. Conviene optare per elettrodomestici classi come, A++, A+++, che consumano molto meno.

Evitare il prelavaggio

Se siete soliti effettuare il prelavaggio, è il caso di non farlo più, tranne in caso di biancheria molto sporca. Evitare questo passaggio servirà a risparmiare. Eventualmente si può optare per un ammollo fai da te prima di caricare gli indumenti in lavatrice.

Dosare il detersivo

Un errore che tanti commettono quando usano questo elettrodomestico è quello di usare una quantità eccessiva di detersivo. In questo caso può il sapone non essere risciacquato completamente e rimanere sui vestiti. Oltre a provocare l’insorgenza di eventuali irritazioni, troppo detersivo può intasare la lavatrice e ridurre le performance durante il lavaggio e la durata dell’elettrodomestico.

Quanto bisogna usarne dunque? Per dosarlo correttamente occorre considerare la quantità e la tipologia di bucato. Se la lavatrice non è caricata a pieno carico, serve meno detersivo, e la stessa cosa vale se si lavano tessuti delicati come lino e seta. Inoltre, per dosare bene il detersivo bisogna tenere conto anche di quanto siano sporchi gli indumenti e scegliere in base alla durezza dell’acqua.

Non perderti tutte le altre nostre notizie, seguici su Google News e Telegram

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook