Contro il caro bollette arriva il bonus luce e gas: quali sono i requisiti per ottenerlo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il governo ha messo in campo importanti finanziamenti per ammortizzare gli aumenti di luce e gas, a beneficio delle famiglie meno abbienti

Come annunciato anche da ARERA, il 2022 è iniziato all’insegna di forti aumenti per quanto riguarda le bollette di luce e gas, che stanno mettendo in seria difficoltà molte famiglie e piccole imprese che non ce la fanno a fronteggiare i costi elevati dell’energia. Per provare ad alleggerire il peso della “stangata” sulle tasche degli italiani, il governo ha destinato un fondo di risorse economiche volto a contenere gli effetti degli aumenti in bolletta.

Tutti gli utenti domestici e non domestici potranno usufruire di uno sconto in bolletta fino al 20% per i costi di elettricità e gas o di pagamenti rateizzati: queste misure andranno a sostenere circa 29 milioni di famiglie e 6 milioni di utenze non domestiche (esercizi commerciali o artigianali, piccole imprese). ARERA stima un risparmio in bolletta per ogni famiglia di circa 600 euro nel corso del primo trimestre (200 euro per l’elettricità e 400 per il gas).

Ulteriori interventi messi in campo vanno dalla riduzione dell’IVA al 5% sulla spesa per il gas, all’annullamento degli oneri generali di sistema per le utenze con potenza fino a 16,5 kW (bassa tensione) e per l’approvvigionamento di gas, fino alla rateizzazione delle bollette del primo trimestre dell’anno in 10 rate mensili in caso di inadempimento. Tali incentivi spettano:

  • ai percettori del reddito di cittadinanza;
  • a persone disabili che usufruiscono di energia elettrica per il funzionamento di dispositivi sanitari (indipendentemente dal reddito dichiarato);
  • a nuclei familiare con reddito ISEE inferiore a 8.265 euro annui;
  • alle famiglie numerose, ovvero con almeno quattro figli a carico (con ISEE non superiore a 20.000 euro annui).

Chi possiede i requisiti sopra indicati, riceverà in automatico lo sconto in bolletta, pertanto non è necessario presentare alcuna richiesta. Ovviamente, bisogna aver fatto domanda per l’ottenimento del modello ISEE – in questo caso è possibile rivolgersi ad un CAF o patronato.

Come abbiamo detto, l’agevolazione fiscale spetta anche ai disabili che necessitano di apparecchiature sanitarie funzionanti a energia elettrica: solo in questo caso sarà necessario presentare un’apposita domanda e certificare la propria patologia attraverso un certificato ASL che attesti la grave situazione di salute e la necessità di utilizzo di apparecchiature elettromedicali (nonché la tipologia di tali apparecchiature).

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Confcommercio

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook