Sperimentazione animale per droghe d’abuso e xenotrapianti confermata per il 2022: il divieto slitta per l’ennesima volta

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Per il settimo anno consecutivo, slitta il divieto di utilizzo di animali nei test per droghe d'abuso e trapianti tra specie diverse.

Il divieto di utilizzare animali nei test e negli studi su droghe d’abuso e xenotrapianti previsto dal Decreto Legislativo 26 del 2014 slitta di nuovo e per l’ennesima volta. 

La Camera ha infatti recentemente approvato la Legge Europea 2019-2020, posticipandone l’entrata in vigore a giugno 2022. I test sugli animali potranno però quasi sicuramente continuare almeno fino alla fine del prossimo anno, grazie al Decreto Milleproroghe. Situazione che ormai si ripete ogni anno, da ormai sette anni.

Leggi anche: Test sugli animali per alcool, tabacco e droghe: il divieto slitta di un altro anno

Secondo LAV, Lega antivivisezione, si tratta di uno “slittamento inaccettabile” che consentirà per almeno altri dodici mesi di sottoporre gli animali a torture “per esperimenti obsoleti e crudeli”, sottolineando come gli studi sulle sostanze d’abuso e sui trapianti di organi tra specie diverse siano inutili, oltre che dolorosi per gli animali.

Combattiamo fin dall’entrata in vigore del D.Lgs. 26, nel 2014, per ottenere l’applicazione rigorosa e immediata di questo divieto. Ci spiace che i nostri appelli siano, per ora, caduti nel vuoto prorogandolo ancora lo stop ad esperimenti inutili, dolorosi e ormai fuori dal tempo. Infatti, il campo dei trapianti di organi tra specie è fallimentare da oltre 40 anni, mentre per le sostanze d’abuso si continuano, assurdamente, a usare cavie nonostante l’enorme mole di dati epigenetici sull’uomo e la disponibilità di modelli animal-free dimostratisi innovativi e attendibili – si legge nel comunicato LAV.

Uniche note positive sono la cancellazione della deroga che permetteva di evitare l’anestesia sui test per analgesici e anestetici e l’aumento dei fondi per sviluppare metodi alternativi agli esperimenti sugli animali.

Segnali certamente incoraggianti ma non ancora sufficienti, poiché i modelli animali continueranno a essere utilizzati anche per studi non necessari almeno per un altro anno ancora.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte di riferimento: LAV

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook