Nelle Marche piagate dall’alluvione, i volontari della LAV soccorrono gli animali senza più una casa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dopo le ore drammatiche dell'alluvione, i volontari di LAV Marche stanno mettendo in salvo cani e gatti rimasti intrappolati nei rifugi

Nelle ultime ore il Centro Italia è stato colpito da precipitazioni di portata eccezionale sia per il periodo dell’anno che per la quantità di pioggia caduta in così poco tempo: le regioni più devastate dalla furia dell’acqua sono le Marche (dove si registrano anche dieci vittime e alcune persone disperse) e l’Umbria.

Ora che ha smesso di piovere, è iniziata la drammatica conta dei danni nelle aree colpite: boschi distrutti, colline franate sotto il peso dell’acqua, strade trasformate in un fiume di fango e detriti, case e negozi completamente allagati.

Leggi anche: Perché le inondazioni di Marche e Umbria sono collegate al caldo estremo e alla siccità: si chiama crisi climatica, non maltempo

Oltre ai danni materiali, si contano già centinaia di sfollati fra le province di Ancona e Perugia. E poi ci sono gli animali: se quelli che vivevano nelle case sono stati messi in salvo dai loro proprietari, ci sono centinaia di animali chiusi nei rifugi o negli allevamenti che aspettano di essere salvati da morte certa.

Per questo motivo l’associazione ambientalista LAV si è già attivata per strappare alla furia dell’alluvione gli animali abbandonati nella fretta di mettersi in salvo. I volontari della sezione di Ancona, la provincia marchigiana più martoriata, sono già da ore sul posto per recuperare animali soli e spaventati.

In questi momenti si stanno dedicando al salvataggio di cani e gatti dai rifugi: in particolare, uno degli interventi all’interno di un rifugio a Senigallia ha permesso di salvare la vita di sette cani e una trentina di gatti.

Come si può vedere nel breve video che condividiamo qui sotto, girato dagli stessi volontari, il rifugio era completamente allagato e gli animali, chiusi nelle gabbie, non hanno avuto la possibilità di sottrarsi alla furia dell’acqua. Ora per fortuna stanno tutti bene e sono stati messi al riparo in altre strutture.

Non perderti tutte le altre nostre notizie, seguici su Google News e Telegram

Fonti: LAV

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook