Gigli e gatti: cosa devi sapere sulle piante tossiche per i mici

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Se hai un gatto in casa, fai massima attenzione alle piante di giglio. Questa pianta è molto pericolosa per il tuo felino in quanto altamente tossica. Se il tuo gatto la ingerisce, rischia l'avvelenamento con gravissimi danni renali

Sono tra le piante bulbose più belle e facili da coltivare. Che sia in giardino o nel proprio appartamento, con i loro fiori ornamentali, simbolo di purezza, e il loro profumo arricchiscono qualunque ambiente. Parliamo dei gigli, Lilium, e delle loro tantissime varietà. Queste piante della famiglia Liliaceae sono tanto belle quanto pericolose per i nostri animali domestici.

In particolar modo per i gatti il giglio risulta molto tossico e potenzialmente fatale. Ogni parte di questa pianta, se ingerita, può compromettere il funzionamento dei reni nel gatto. L’ingestione di steli, foglie, fiori, polline provoca nell’animale vomito, letargia, mancanza di appetito, disidratazione, convulsioni. Occhio anche all’acqua nel sottovaso, anch’essa tossica.

I primi segnali da avvelenamento da Lilium si presentano generalmente nelle prime 6-12 ore dall’ingestione e peggiorano nel tempo a danno dei reni. Se i sintomi non vengono trattati nelle prime 18-36 ore, vi è il rischio che il gatto possa sviluppare un’insufficienza renale acuta.

Più l’intervento è tempestivo, maggiori sono le possibilità di sopravvivenza dell’animale. Se vedi il tuo gatto leccare o ingerire una qualunque parte del giglio, consulta subito il tuo veterinario di fiducia e corri in ambulatorio. Non c’è tempo da perdere.

Attenzione perciò a tutte le varietà che rientrano nella classificazione del giglio come, ad esempio, il giglio di Pasqua Lilium longiflorum, il giglio tigrato della Cina Lilium lancifolium o il giglio orientale Stargazer Lilium orientalis ‘Stargazer’. Alcune sono pericolose anche per i cani.

Anche il mughetto Convallaria majalis e il tulipano non sono affatto innocue. Queste due appartengono alla famiglia delle Liliacee e sono tossiche per i gatti. Se condividi la casa con un gatto e con una di queste piante, è il caso di trovare a queste ultime una nuova collocazione.

Le piante velenose per gli i nostri amici a quattro zampe non sono poche. Prima di acquistare una nuova piante, puoi consultare questo utilissimo elenco per assicurarti che i tuoi animali domestici non corrano alcun pericolo.

Fonte: Ticino Animal Hospital

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue, attivista e volontaria per i diritti degli animali. Amante della cucina vegetale, di vini rossi e di tutto ciò che profumi di cannella.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook