I delfini chiamano per nome i loro compagni e ricordano chi li ha aiutati anche dopo molti anni. Lo studio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Uno studio australiano dimostra che i delfini, proprio come noi, imparano i 'nomi' dei compagni con cui costituiscono gruppi, o gang

Secondo uno studio australiano, i delfini imparerebbero i nomi dei loro amici e costituirebbero gruppi per  fronteggiare i rivali e difendere le femmine. Si tratta del primo animale, oltre all’uomo, in grado di identificare i membri del proprio gruppo attraverso richiami unici, che ricordano anche dopo molti anni. 

Come membri di una street gang, i delfini maschi chiamano i loro compagni quando arriva il momento di vendicarsi – oppure, di catturare e difendere le femmine in calore. Un nuovo studio australiano rivela che i delfini fanno questo imparando i nomi (o, meglio, i richiami identificativi) dei loro compagni più vicini e ricordando quelli di chi li ha frequentemente aiutati nel passato. Talvolta si tratta di più di una dozzina di nomi. Quest’incredibile scoperta dimostra che i delfini hanno un loro senso di appartenenza a un gruppo (finora riscontrato solo negli esseri umani) e fornisce ulteriori prove sull’idea che i delfini hanno sviluppato un cervello più grande anche per intessere complesse relazioni sociali.

Generalmente, i delfini maschi collaborano in gruppi di due o tre esemplari – in quella che i ricercatori hanno soprannominato alleanza “di primo ordine”. Questi piccoli gruppi lavorano insieme per trovare e attirare una femmina fertile. I maschi poi collaborano anche in alleanze dette “di secondo ordine” che possono arrivare a comprendere fino a 14 delfini: questi gruppi più numerosi agiscono contro i gruppi rivali che tentano di rapire le femmine per l’accoppiamento. I delfini cambiano spesso compagni nelle alleanze di primo livello, mentre mantengono inalterati (anche per decenni) i membri delle alleanze di secondo livello: questi gruppi più grandi sono considerati i nuclei centrali della società dei maschi.

(Leggi: Perchè foche e delfini (ma anche altri animali marini) nuotano in cerchio. Le ipotesi in un nuovo studio)

“I maschi stanno insieme per la vita – almeno per quarant’anni” osserva Stephanie King, biologa comportamentale all’Università di Bristol. Ma come fanno a tenere traccia dei vari componenti in questi complessi gruppi? Gli scienziati sostengono che i richiami siano la chiave: ogni delfino ha un richiamo unico che gli viene dato dalla madre e che conserva per la vita. I delfini, quindi, si riconoscono e si identificano gli uni con gli altri proprio attraverso questi richiami – un po’ come facciamo noi esseri umani, che ci riconosciamo chiamandoci per nome.

Per investigare meglio come i delfini maschi utilizzino i loro richiami, sono stati necessari anni di studio nelle acque della Shark Bay, in Australia. Lì una comunità di delfini è stata osservata e monitorata a partire dal 2016 con microfoni sottomarini in grado di determinare quale delfino producesse un determinato richiamo. Tra il 2018 e il 2019, invece, i ricercatori hanno posizionato un ripetitore sott’acqua che ha trasmesso i richiami dei maschi registrati negli anni precedenti, insieme a un drone che ha registrato le risposte dei delfini a questi richiami. I ricercatori si aspettavano risposte più forti ai richiami dei compagni delle alleanze più ristrette, e invece le risposte più intense sono giunte ai richiami di quei delfini che facevano parte di alleanze di secondo livello – team più grandi ma, evidentemente, caratterizzati da una relazione più profonda.

Fonte: Science Magazine

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook