Cane salvato da una dolina di ghiaccio grazie a un altro cane eroe

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

West Virginia, Stati Uniti: durante una passeggiata con il proprietario il cane scompare in una dolina, ma viene estratto salvo.

Ecco il carrello smart per la spesa

Una passeggiata finita nello sgomento nella Virginia Occidentale, quando un proprietario aveva portato a spasso, come suo solito, la sua amica a quattro zampe libera al Marilla Park negli scorsi giorni, ma improvvisamente aveva perso di vista il cane di nome Macy tra il ghiaccio. L’animale, un labrador di 11 anni, era scomparso, come volatilizzato e di lui non si avevano più tracce.

Le ricerche sono iniziate immediatamente dopo che il proprietario aveva avvertito disperato le forze dell’ordine, il dipartimento locale dei vigili del fuoco ed una organizzazione animalista, lo Stretor AnimalControl, che ha ispezionata l’area nota anche per la presenza di doline, delle cavità superficiali più o meno profonde.

Ed infatti Macy era finita in una dolina, ricoperta dal ghiaccio delle ultime nevicate e qui è rimasta intrappolata per ore e ore fin quando non è stata ritrovata da un altro cane, un labrador color cioccolato di nome Wrigley.

 

Wrigley è arrivato sul punto esatto il cui Macy era stata inghiottita nella cavità, ha abbaiato allertando i soccorsi di aver trovato qualcosa. Wrigley aveva identificato Macy, rimasto bloccato nel ghiaccio, ma per fortuna ancora in vita.

Dopo aver scavato nel ghiaccio, i pompieri si sono calati nella dolina ed hanno estratto Macy, tirandola su con una corda. Il cane è stato portato d’urgenza da un veterinario che ne ha constatato lo stato di salute e lo ha dichiarato fuori pericolo dopo quasi un giorno trascorso nella cavità ghiacciata. 

Mentre Macy è tornata poi finalmente a casa, lo Stretor AnimalControl avverte tutti gli altri proprietari di cani di non recarsi in quell’area fino a quando non verrà messa in sicurezza e di portare sempre il cane al guinzaglio per evitare spiacevoli eventi, proprio come questo qui.

Secondo le autorità il Marilla Park “è costruito sulle mine” ed avventurarsi lì, tra neve e ghiaccio, è rischioso non solo per le persone, ma anche per gli animali, come dimostra la storia di Macy conclusasi per fortuna nel migliore dei modi.

Fonte: Stretor AnimalControl

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Leggi anche:

 

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue, attivista e volontaria per i diritti degli animali. Amante della cucina vegetale, di vini rossi e di tutto ciò che profumi di cannella.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook