RePowerEU, obbligo di pannelli solari sugli edifici e idrogeno, tutte le novità (e i limiti) del piano europeo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La Commissione europea ha appena presentato il suo piano per dire finalmente addio ai combustibili fossili importati dalla Russia. Ma cosa prevede il pacchetto di misure RePowerUE e cosa cambierà per i cittadini dell'Ue?

Investire nelle rinnovabili e aumentare l’efficienza energetica per combattere la crisi climatica, ma soprattutto per dire basta alla dipendenza dai combustibili fossili della Russia: è questo l’obiettivo del nuovo piano RePowerEU – che vale ben 300 miliardi di euro – messo a punto dalla Commissione europea. Il traguardo da raggiungere è svincolarsi del tutto da Mosca entro il 2027, iniziando a tagliare di 2/3 le importazioni di gas già da quest’anno. Ma quali sono le misure incluse nel pacchetto che è stato presentato ieri dalla Presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen? Scopriamo nel dettaglio le novità in ballo.

Leggi anche: Crisi energetica: perché, anche puntando sul fotovoltaico, rischiamo di passare da una dipendenza a un’altra

Puntare al risparmio energetico

Una delle parole d’ordine del piano è risparmio energetico.

Risparmiare è il modo più veloce ed economico per affrontare la crisi energetica – si legge nella presentazione della Commissione Ue – Si potrebbe arrivare a un taglio del 5% del fabbisogno di gas e petrolio con piccoli cambiamenti comportamentali a breve termine.

A tal proposito l’Unione europea ha pubblicato un documento con una serie di suggerimenti per i cittadini europei, che riguardano le temperature dei condizionatori e dei riscaldamenti, ma anche i limiti di velocità in autostrada e la micromobilità. Inoltre, la Commissione europea incoraggia gli Stati membri a introdurre misure fiscali come aliquote IVA ridotte per i sistemi di riscaldamento più efficienti, per i lavori di isolamento degli edifici e per determinati elettrodomestici.

Svincolarsi dalla Russia e diversificare l’approvvigionamento

Come anticipato, uno degli obiettivi principali per l’Europa è diventare indipendente dalla Russia a livello energetico. Per diversificare le fonti di approvvigionamento l’Ue sta collaborando con nuovi partner internazionali. Inoltre, è stata creata la EU Energy Platform, una piattaforma alla quale gli Stati membri potranno aderire su base volontaria, mettendo in comune la domanda di gas e coordinando l’utilizzo delle infrastrutture di importazione, stoccaggio e trasporto.

Nel Mediterraneo e nel Mare del Nord saranno sviluppati importanti corridoi per l’idrogeno – chiarisce la Commissione Ue – Di fronte all’aggressione russa, l’UE sosterrà l’Ucraina, la Moldova, i Balcani occidentali e i Paesi del partenariato orientale, nonché i nostri partner più vulnerabili. Con l’Ucraina continueremo a lavorare insieme per garantire la sicurezza dell’approvvigionamento e un settore energetico funzionante, aprendo la strada al futuro commercio di elettricità e idrogeno rinnovabile, oltre a ricostruire il sistema energetico nell’ambito dell’iniziativa REPowerUkraine.

Quello della diversificazione dell’approvvigionamento, però, dovrebbe rappresentare un’ultima spiaggia se si vuole davvero combattere la crisi climatica e smetterla di essere dipendenti dai combustibili fossili, che hanno un impatto ambientale deleterio.

La soluzione non può più essere quella di investire in gas e petrolio, ponendo la diversificazione dell’approvvigionamento di gas come priorità assoluta. – commenta l’eurodeputata Eleonora Evi, co-portavoce nazionale di Europa Verde – È adesso che bisogna invertire l’ordine delle priorità, basandoci su tre step fondamentali: risparmio di energia, passaggio alle rinnovabili e solo in ultimo diversificazione degli approvvigionamenti, evitando di investire in infrastrutture che ci condanneranno anche in futuro ad essere dipendenti dalle fossili e facendo in modo che nessun investimento vada mai a discapito di quelli nelle energie rinnovabili e nell’efficienza energetica.

Investire nelle rinnovabili: pannelli solari obbligatori e idrogeno verde

Punto cardine del piano RePowerEU sono le rinnovabili, che possono dare impulso alla transizione verde in Europa, ma anche portare ad un risparmio per i cittadini. La proposta della Commissione Ue è quella di raddoppiare la capacità solare fotovoltaica entro il 2025 per raggiungere i 600 GW nel 2030. Per riuscirci l’Ue intende rendere obbligatori – in maniera graduale – l’installazione di pannelli solari sui tetti di diverse strutture: secondo quanto previsto dall’iniziativa EU Solar Rooftops, entro il 2026 dovrebbe toccare agli edifici commerciali e pubblici che hanno un’area maggiore di 250 metri quadrati, mentre dal 2027 l’obbligo dovrebbe scattare per quelli già esistenti e dal 2026 per i nuovi edifici residenziali.

Il piano della Commissione europea punta anche al raddoppiamento del tasso di diffusione delle pompe di calore e a ridurre i tempi di autorizzazione per installare gli impianti fotovoltaici. In Italia, però, i limiti da superare sono ancora tanti, a partire da quelli burocratici.

“Gli Stati membri dovrebbero istituire aree di riferimento dedicate per le energie rinnovabili con procedure di autorizzazione abbreviate e semplificate in aree con rischi ambientali inferiori” si legge nel documento della Commissione europea.

Un’altra importante novità è quella relativa alla produzione di idrogeno rinnovabile. L’Ue si è fissata l’obiettivo di produrne 10 milioni di tonnellate entro il 2030, importandone la stessa quantità dall’estero. Questa mossa aiuterebbe a sostituire gas, carbone e petrolio, altamente inquinanti.

“L’idrogeno verde è essenziale per porre fine alla dipendenza dell’Europa da un fornitore di energia inaffidabile e pericoloso come la Russia” ha chiarito la presidente della Commissione Von der Leyen.

Infine, verrà incrementata la produzione di biometano portandola a 35 miliardi di metri cubi entro il 2030.

Gli obiettivi dell’Ue sono indubbiamente ambiziosi, ma l’Italia si farà trovare preparata? Abbiamo i nostri dubbi…

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Commissione UE

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook