Gli indigeni da sempre aiutano a preservare le foreste, un nuovo studio ci ricorda di imparare da loro

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un nuovo studio scientifico rivela che i popoli indigeni  svolgono un ruolo chiave nella salvaguardia delle foreste pluviali dell'Amazzonia

Un nuovo studio scientifico rivela che i popoli indigeni svolgono un ruolo chiave nella salvaguardia delle foreste pluviali dell’Amazzonia (e ci offrono una grande lezione!)

Da secoli gli indigeni sono custodi delle foreste amazzoniche. E molto probabilmente nessuno sarebbe in grado di prendersene cura come fanno loro. A confermarlo è un recente studio pubblicato sulla rivista Proceeding of the National Academy of Science, che rivela come una regione della foresta pluviale dell’Amazzonia occidentale sia rimasta praticamente inalterata nel corso di ben 5 millenni, nonostante gli insediamenti umani.

I nostri dati supportano ricerche precedenti che indicano che aree considerevoli di alcune foreste amazzoniche non sono state significativamente influenzate dalle attività umane durante l’era preistorica. – si legge nella ricerca – Piuttosto, sembra che negli ultimi 5.000 anni le popolazioni indigene di questa regione abbiano coesistito con, e abbiano contribuito a mantenere vaste distese di foreste relativamente non alterate, come continuano a fare oggi.

Insomma, in altre parole potremmo dire che i nativi della regione amazzonica sanno bene come vivere in maniera sostenibile. Per scoprirlo, i ricercatori hanno analizzato il terreno e le piante di tre aree diverse del territorio nord-orientale del Perù. I terreni su cui si sono focalizzati si trovano tutti a a circa 1 chilometro di distanza dai corsi fluviali e dalle pianure alluvionali, note agli esperti come zone interfluviali.

“La foresta interfluviale comprende oltre il 90% della superficie dell’Amazzonia ed è quindi di fondamentale importanza per determinare l’estensione dell’influenza indigena sul territorio perché la maggior parte dei principali insediamenti identificati dagli archeologi finora sono vicini ai fiumi” spiegano gli studiosi. 

I dettagli dello studio 

Per andare più a fondo nella questione e avere più informazioni riguardo all’impatto dell’uomo sulle foreste, il team guidato dall’antropologa Dolores Piperno delloSmithsonian National Museum of Natural History hanno esaminato i fitoliti, antiche particelle microfossili di piante morte ed è andato alla ricerca di tracce di fuoco, come carbone o fuliggine, segnale inconfutabile della presenza umana.  

analisi foreste pluviali

@Dolores Piperno/NMNH

E ciò che hanno scoperto è davvero sorprendente. 

“Non abbiamo trovato prove di piante coltivate o di agricoltura taglia e brucia; nessuna traccia di disboscamento o di realizzazione di giardini forestali. – commenta la dottoressa Piperno – Questi dati sono molto simili ai risultati di altre regioni dell’Amazzonia. Ora abbiamo una notevole quantità di prove che nella preistoria non si sono verificate importanti alterazioni nella foresta nelle aree interfluviali dell’Amazzonia non si sono verificate nella preistoria.”

La lezione che tutti dovremmo imparare dai popoli indigeni 

Come già detto, nell’area della foresta amazzonica oggetto di indagine la biodiversità è stata preservata in maniera eccezionale. 

Si tratta di un ecosistema della foresta pluviale che è rimasto relativamente stabile per migliaia di anni ed è molto simile a quelli che si trovano ancora oggi in regioni altrettanto inalterate” – chiariscono gli studiosi – Ciò significa che ecologi, scienziati del suolo e climatologi che cercano di comprendere le dinamiche ecologiche di questa regione e la capacità di stoccare carbonio possono essere certi che stanno analizzando foreste che non sono state pesantemente modificate dalla presenza dell’uomo.

I dati emersi non indicano che le popolazioni indigene non hanno sfruttato in nessun modo le foreste, ma piuttosto che lo hanno fatto sempre in maniera ecosostenibile e svolgono un ruolo chiave nella protezione di questi ecosistemi. 

Questo nuovo studio non fornisce, quindi, soltanto una serie informazioni interessanti sullo stato di conservazione delle foreste pluviali, ma ci ricorda che dovremmo imparare dai popoli indigeni cos’è davvero il rispetto per la natura. 

Fonte: Proceeding of the National Academy of Science/Smithsonian National Museum of Natural History

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook