Comunità Energetiche: i soldi del PNRR potranno essere usati a fondo perduto, non in prestito

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Comunità Energetiche Rinnovabili: i 2,2 miliardi della misura PNRR dedicati potranno essere concessi a fondo perduto. L’annuncio del ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica infonde speranza alla diffusione delle CER, una via sicura per uscire dalla crisi

Non più in prestito: il ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (MASE) ha annunciato che i 2,2 miliardi della misura PNRR dedicati alla Comunità Energetiche Rinnovabili (CER) potranno essere concessi a fondo perduto, una notizia che infonde speranza alla diffusione delle CER, una via sicura per uscire dalla crisi.

Come spiega il GSE, una CER è un’associazione di clienti finali, consumatori di energia elettrica, che possono oggi associarsi per produrre localmente, tramite fonti rinnovabili, l’energia elettrica necessaria al proprio fabbisogno, “condividendola”.

È ormai riconosciuta come una via eccellente per uscire dalla crisi energetica e ambientale: dall’ultimo studio Elemens-Legambiente è emerso infatti che le CER possono portare riduzioni dei costi in bolletta fino al 25% per le utenze domestiche e condominiali e fino al 20% della spesa energetica di piccole e medie imprese, scuole, distretti artigiani e altri settori ancora.

Leggi anche: Risparmio energetico: viaggio nei Comuni che sono riusciti davvero a tagliare le bollette di imprese e cittadini

La soluzione, come spesso accade in Italia, è ostacolata da burocrazia lenta e procedure ingessate. Lo scorso 12 dicembre si è però chiusa la consultazione pubblica per i tanto attesi decreti attuativi per lo sblocco degli incentivi promessi, che dovrebbero quindi essere pubblicati nel 2023.

Leggi anche: Comunità energetiche: al via la consultazione pubblica per i tanto attesi decreti attuativi

E ora questo goal.

Si tratta di un grande risultato – ha aggiunto il ministro Pichetto Fratin – reso possibile dal dialogo e dal confronto, che ha consentito al ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica di recepire gli input arrivati in questo senso dalle numerose parti interessate alle comunità energetiche pronte a essere attivate su tutto il territorio nazionale

La firma del decreto dovrebbe avvenire a inizio 2023.

Eppur si muove…

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica  

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook