Fotovoltaico: Jaguar sta riciclando le batterie esauste delle auto elettriche per produrre accumulatori solari domestici

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Se non va più bene per l'auto, alimenta una casa in caso di blackout: Jaguar e Pramac danno una seconda vita alle batterie esauste

La ricetta del porridge senza cottura

Il riciclo delle batterie esauste delle auto elettriche è una delle sfide collaterali che accompagnano la transizione verso la definitiva affermazione della mobilità elettrica.

Il riciclo dei materiali rari contenuti al loro interno è una strada, ma può essere considerata solo la tappa finale, perché vi sono soluzioni meno impattanti che si collocano a metà strada della vita di una batteria, ovvero dal suo confezionamento fino alla fine del ciclo di vita.

È quanto sta facendo la Casa automobilistica Jaguar Land Rover in collaborazione con l’azienda italiana Pramac, uno dei leader mondiali nella produzione di gruppi elettrogeni e sistemi di accumulo dell’energia.

Le due aziende hanno infatti messo a punto un’unità di stoccaggio dell’energia a zero emissioni alimentata da batterie provenienti dalla Jaguar I-Pace quando queste scendono al di sotto dei severi requisiti necessari per far funzionare un veicolo elettrico, ma sono ancora efficienti per altre applicazioni meno gravose. Come la fornitura di energia ad edifici se l’accesso alla rete elettrica è limitato o non disponibile.

Chiamato Off Grid Battery Energy Storage System (ESS) e caricato da pannelli fotovoltaici, questo sistema di stoccaggio Pramac riutilizza direttamente fino all’85% della batteria del veicolo all’interno dell’unità di stoccaggio, compresi i moduli e il cablaggio. I materiali rimanenti vengono anch’essi riciclati.

Due sono i modelli già disponibili per il noleggio commerciale, uno fisso ed uno portatile. Il sistema di punta ha una capacità fino a 125kWh, più che sufficiente per alimentare una normale casa familiare per una settimana ipotizzando un consumo di circa 72 kWh a settimana.

Le unità sono inoltre dotate di connessioni di ricarica per veicoli elettrici di tipo 2 con controllo dinamico e valutate fino a 22kW AC.

LEGGI ANCHE:

C’è un modo per pulire i pannelli fotovoltaici senza sprecare acqua, lo studio

Fotovoltaico da balcone: come installarlo per aumentarne l’efficienza

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureato in Comunicazione all'Università di Siena e giornalista dal 1995, ha un'esperienza pluriennale come redattore automotive. Ha lavorato per riviste, TV e testate online specializzate di diffusione nazionale. Su greenMe.it si occupa di mobilità sostenibile e auto ecologiche

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook