Il caldo attanaglia l’Europa, mentre il Sud America affronta un freddo eccezionale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

A causa di un fenomeno che si sta verificando sempre più spesso negli ultimi anni, le diverse regioni del mondo si trovano a confrontarsi con temperature mai viste finora

Clima sempre più anomalo e fuori controllo ormai – a dimostrazione di quanto la crisi climatica abbia raggiunto e superato limiti finora ritenuti invalicabili.

Mentre il nostro continente (Italia compresa) si trova a fronteggiare gli effetti di caldo eccezionale e siccità, altre regioni del mondo tradizionalmente interessate da temperature più calde sono ora vittime di un freddo inedito e mai sperimentato fino ad ora.

Stiamo parlando di alcune aree del Sud America, in particolare Cile e Argentina: negli ultimi giorni, la bassa pressione ha permesso all’aria fredda di stazionare in questi territori, provocando un abbassamento delle temperature fino a 10°C al di sotto della media stagionale.

Non è la prima volta che l’America meridionale sperimenta temperature fresche, anomale per il territorio e per la stagione e ciò è dovuto ad un fenomeno che gli esperti hanno ribattezzato La Niña.

Rappresentazione della Niña (©European Space Agency)

La Niña provoca temperature oceaniche insolitamente fredde nell’Oceano Pacifico equatoriale ed è causata da forti correnti ventose (dette alisei) che riducono il bacino caldo, raffreddando l’oceano. In questo modo il clima costiero del Nord e del Sud del continente americano risulterà più freddo e asciutto.

Durante La Niña, che si verifica ogni pochi anni, le temperature superficiali dell’Oceano Pacifico sud-orientale sono significativamente più fredde del normale: le recenti osservazioni suggeriscono che esse, a largo delle coste peruviane, siano fra 1,5 e 3,5 °C più fredde del normale.

La presenza di acqua oceanica più fresca ha un impatto importante non solo sulle popolazioni che vivono in prospicienza delle coste interessate dal fenomeno, ma anche e soprattutto sui modelli meteorologici globali.

©EFEN

Si pensi, ad esempio, che anche gli Stati Uniti meridionali sono stati interessati da un clima insolito nei primi mesi dell’anno, più secco del normale e anche più ventoso. Ciò ha esposto alcuni Stati, come l’Arizona, ad un aumentato rischio di incendi.

Dall’altra parte del mondo, nella nostra Europa, La Niña sta provocando effetti opposti: masse d’aria eccezionalmente calda e temperature oltre la media stagionale si stanno registrando in Spagna, Italia, Grecia e nelle regioni balcaniche.

Insomma, il fatto che non esistano più le mezze stagioni non è solo un proverbio. Il nostro clima, la stagionalità e la gradualità nel passaggio dal freddo al caldo e viceversa, sono davvero compromessi – in modo forse irrecuperabile.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: EFEN / European Space Agency

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook