In Italia fa sempre più caldo: la lista delle città con aumenti fino a +1,2°C rispetto a 20 anni fa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il report dell'ISTAT lancia l'allarme: temperature medie in aumento (soprattutto nelle grandi città), sempre più notti tropicali e sempre meno precipitazioni

Integratori 100% naturali

L’Istituto Nazionale di Statistica (ISTAT) ha pubblicato ieri un report relativo ai cambiamenti climatici avvertiti nel nostro Paese dal 2000 al 2020 e lancia un preoccupante allarme: in vent’anni la temperatura media annua nelle nostre grandi città si attesta su un’anomalia climatica di +1,2°C rispetto al trentennio precedente (1971-2000).

Preoccupante anche il dato relativo ai giorni e alle notti di estremo caldo, registrati con frequenza sempre maggiore: nel ventennio 2000-2020, infatti, si registrano in media 15 giorni di caldo estremo in più e 18 notti “tropicali” rispetto al periodo di analisi precedente. Allo stesso tempo, si assiste ad un brusco calo delle precipitazioni (-132 millimetri di pioggia in media negli ultimi anni rispetto al periodo 2006-2015).

(Leggi anche: Il Po è in secca come fosse agosto: l’allarme sulla siccità nel nord Italia)

Unico dato incoraggiante in questo quadro drammatico riguarda gli interventi di forestazione urbana, che sono in netto aumento nelle grandi città: tali interventi mirano da una parte a mitigare gli effetti dell’aumento delle temperature (che risente negativamente della presenza di cemento e asfalto, che contribuiscono a far aumentare la temperatura in città) e dall’altra a migliorare la qualità dell’aria urbana.

@ISTAT

Città sempre più calde

Stando ai dati ISTAT, nel 2020 la temperatura media è stata di 16,3°C, con un aumento di 0,3°C rispetto al decennio 2006-2015 e di 1,2°C rispetto al trentennio 1971-2000. Tale aumenti si è mostrato in maniera più sensibile nelle grandi città – complice anche la presenza di automobili, di attività antropiche, di distese di cemento e asfalto. Ecco l’aumento medio delle temperature registrato nel 2020 (dati ISTAT):

In Italia fa sempre più caldo

Dati Istat Report I cambiamenti climatici

Il 2020 è stato anche l’anno meno piovoso di quelli finora analizzati dall’ISTAT, con una diminuzione media delle precipitazioni pari a -132 millimetri; come nel caso delle temperature, anche questo valore risulta maggiorato nelle grandi citta, con punte a Napoli (-423,5 mm), Catanzaro (-416) e Catania (-359,7).

@ISTAT

Fra gli indici tenuti in considerazione dall’ISTAT come spie del cambiamento climatico in atto vi sono poi i giorni estivi (ovvero quelli in cui la temperatura massima è stata maggiore di 25°C) e le notti tropicali (nelle quali la temperatura non scende sotto i 20°C). Ebbene, questi due indicatori dimostrano un’anomalia media rispettivamente di +15 giorni e +18 notti, con eccessi registrati in alcune città: Napoli (53 notti tropicali), Milano (34) e Palermo (27).

Cresce, purtroppo, anche il dato relativo ai giorni senza pioggia, che nel 2020 sono stati in media 293 (+11 giorni rispetto al decennio 2006-2015). Anche in questo caso, alcune città sono state caratterizzate da un maggior numero di giorni privi di precipitazioni: Napoli (35 giorni), Trento (33) e L’Aquila (20).

Il peso dell’urbanizzazione

Il fenomeno dell’urbanizzazione è causa di forti pressioni sull’ambiente naturali: le nostre città, infatti, contribuiscono in larga misura al consumo di suolo, si risorse naturali e di energia, ma anche alle emissioni di gas serra e altre sostanze inquinanti.

Ma non solo: la presenza di vegetazione scarsa o nulla, sostituita da materiali che si surriscaldano a contatto con i raggi del Sole (superfici radiative come metalli, cemento, asfalto), provoca un aumento delle temperature ancor più corposo in città – fino a +3°C rispetto ad aree non urbanizzate. È il cosiddetto fenomeno dell’isola di calore urbano.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: ISTAT

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook