Il 2021 è stato uno degli anni più caldi della storia: più di 400 stazioni meteo di tutto il mondo hanno registrato temperature record

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Nel 2021 più di 400 stazioni meteo in tutto il mondo hanno registrato temperature record: l’anno scorso sarà tra i primi 5-6 anni più caldi

La ricetta del porridge senza cottura

Nel 2021 più di 400 stazioni meteo in tutto il mondo hanno registrato temperature record: l’anno scorso sarà tra i primi 5-6 anni più caldi della storia (almeno da quando si hanno misure scientifiche). Lo afferma il climatologo Maximiliano Herrera, che da oltre 30 anni monitora la situazione calore sulla Terra.

Maximiliano Herrera tiene traccia delle condizioni meteorologiche estreme in tutto il mondo e pubblica un elenco annuale dei record battuti nell’anno precedente. Come molti altri climatologi e meteorologi che seguono da vicino questi temi, anche lui si aspetta che il 2021 non sarà l’anno più caldo della storia, ma probabilmente tra i primi 5 o 6.

Nuovi record di calore sono stati battuti nell’anno appena passato, secondo Herrera: dieci Paesi (Oman, Emirati Arabi Uniti, Canada, Stati Uniti, Marocco, Turchia, Taiwan, Italia, Tunisia e Dominica) hanno battuto o pareggiato il loro record nazionale, 107 hanno battuto il loro record mensile di temperature alte, mentre cinque il mensile di quelle basse.

Sono inoltre caduti anche alcuni record continentali e planetari: in particolare l’Africa ha avuto i mesi di giugno e settembre più caldi di sempre, agosto ha portato a 48,8°C la temperatura della nostra Siracusa, la temperatura più alta mai registrata in Europa, e a luglio si erano registrati 54,4°C a Furnace Creek nella Death Valley degli Stati Uniti, la temperatura più alta registrata in modo affidabile sulla Terra.

Leggi anche: Caldo record: la Death Valley supera i 54 gradi, una delle temperature più alte dell’ultimo secolo  

Ma quando il clima cambia e il Pianeta si riscalda, non sono solo le temperature a sentirne gli effetti: per esempio l’assenza per due volte consecutive di una vera stagione delle piogge in Kenya sono state insolite e hanno costretto il governo a organizzare per la prima volta dopo molti anni aiuti alimentari.

L’effetto del cambiamento climatico nel nostro clima si può vedere in Kenya e nel mondo – spiega a The Guardian Patricia Nying’uro, co-fondatrice di Climate Without Borders –  Stiamo solo mettendo insieme i dati per il 2021, ma pensiamo che avremo visto una temperatura annuale superiore di 2,1°C rispetto al normale in alcune parti del Paese. I cambiamenti sono molto evidenti, da un estremo all’altro in un brevissimo lasso di tempo

Non solo: le temperature possono anche abbassarsi in modo anomalo, come accaduto all’Australia proprio nel 2021. Il clima e il meteo sono infatti due concetti profondamente diversi e un meteo “strano” è indice di un clima complessivo che, purtroppo, cambia.

E nel frattempo, il 2022 è iniziato con una serie di record già infranti nel Regno Unito e negli Stati Uniti nei primi giorni dell’anno.

Alla faccia degli accordi di tutte le COP degli ultimi anni, da Parigi in poi.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonti: Maximiliano Herrera / The Guardian / World Meteorological Organization/Twitter

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook