©RT-M/Shutterstock

Cani e gatti NON trasmettono il Covid (anzi, sono i proprietari a contagiare loro). La conferma in un nuovo studio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In questi mesi sono stati più volte lanciati allarmi infondati sul fatto che i nostri animali domestici potessero trasmettere Covid-19.  Ora una nuova ricerca fa chiarezza: non solo non è così ma è vero l’esatto contrario, sono i proprietari una possibile fonte di contagio per cani e gatti.

La ricerca, pubblicata su Nature Communication e primo studio del progetto COVIDinPET, è stata condotta in Italia da un team di ricerca dell’università Statale di Milano e dell’università di Bari.

Sono stati presi a campione 919 cani e gatti provenienti soprattutto dalla Lombardia, regione che, in particolare nella prima ondata della pandemia di Covid-19, è risultata pesantemente colpita dai contagi.

@Nature Communications

Sugli animali sono stati eseguiti tamponi molecolari orofaringei, nasali o rettali con lo scopo di individuare la presenza di coronavirus ma anche esami sierologici per la ricerca di anticorpi contro Sars-CoV-2.

In 528 casi erano noti anche i risultati di test condotti sui proprietari. Si è potuto così fare un confronto e, analizzando i tutti i dati, gli esperti sono arrivati alla seguente conclusione: cani e gatti domestici non trasmettono il virus ma possono invece essere contagiati dai loro proprietari (non sviluppando però la malattia).

Quello che è emerso, infatti, è che i tamponi processati erano tutti negativi, compresi quelli effettuati su cani e gatti con sintomi respiratori o che avevano proprietari che avevano contratto il coronavirus.

Si è visto anche che il 3,3% dei cani e il 5,8% dei gatti, in particolare adulti e provenienti dalle zone dove è stata più alta la circolazione del virus, sono risultati positivi al test sierologico (se poi si considerano i cani di proprietari che avevano avuto Covid-19 la percentuale saliva al 12,8%).

@Nature Communications

Sono stati gli autori stessi della ricerca a spiegare questi dati:

“alcuni degli animali inclusi nello studio sono entrati in contatto con il virus e hanno di conseguenza prodotto anticorpi. Ma la negatività dei loro tamponi, anche in animali di proprietari malati, suggerisce che il tempo di permanenza del virus nei loro tessuti, pur sufficiente a indurre una risposta anticorpale, sia molto breve e non associato allo sviluppo di malattia negli animali”

In conclusione:

“sembra possano essere i proprietari positivi a trasmettere transitoriamente il virus ai propri cani e gatti, con i quali andrebbero quindi evitati contatti stretti nel periodo di positività del proprietario”.

Concorda con i risultati di questa ricerca anche l’ISS che già ad aprile aveva fornito dei consigli per proteggere i nostri animali domestici dal Covid.

Fonte: Nature Communication

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria
Speciale Creme Solari

Creme solari: come sceglierle e a cosa fare attenzione

eBay

Work out: i migliori attrezzi per allenare a casa tutti i muscoli

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook