Pericolo ftalati oltre i limiti: ritirata questa bambola dal ministero della Salute

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ftalati in quantità superiori rispetto al limite consentito. Così il Ministero della salute ha ritirato dal mercato la bambola della serie “Le Fatine” prodotte in Cina.

Un nuovo richiamo arriva dalle autorità ministeriali. Non è la prima volta che gli ftalati vengono aggiunti in quantità considerevoli nei giochi che finiscono nelle mani dei bambini.

Questa volta è toccato alla bambola delle Fatine. Il gioco è stato prodotto da Ya Dasi Toys Factory– a Shantou City, in Cina ed è stato importato in Italia da Giaquinto Giocattoli SRL, con sede a Vitulazio (CE).

Secondo quanto riportato dall’avviso del Ministero, la bambola sarebbe tossica e pericolosa per la riproduzione.

“Il campione, esaminato presso il Laboratorio chimico S.C. di Medicina del Lavoro Ospedale di Desio, risulta non conforme per presenza di ftalati vietati dal Regolamento REACH, allegato XVII punto 51 e 52: riscontrati fino al 12,81% DEHP quando il limite ammesso è 0,1%”.

fatina

©Ministero della salute

In particolare, il gioco richiamato è caratterizzato da Codice a barre: 8-033641-040595 e numero di lotto 105.

 richiamo bambola

©Ministero della salute

Gli ftalati sono pericolosi perché possono alterare il sistema riproduttivo. Essi infatti sono in grado di inibire la maturazione degli spermatozoi. Purtroppo ormai sono molto diffusi. Sono presenti nei cosmetici, nei contenitori per alimenti, negli smalti e perfino nei giocattoli.

Se avete acquistato questa bambola evitate che i bambini possano utilizzarla e riportatela indietro per ottenere il rimborso.

Fonti di riferimento: Ministero della salute

LEGGI anche:

Ftalati: cosa sono, dove si trovano e perché bisogna cercare di evitarli

1 giocattolo su 3 venduto da Amazon, Ebay e Wish contiene ftalati illegali

Come pesticidi, microplastiche e ftalati avvelenano gli spermatozoi e mettono a rischio la fertilità

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook