Oggi è la Giornata dei calzini spaiati, ode a un mistero mai risolto

Solo, intristito, scolorito. Il tragico destino di un calzino spaiato è sotto gli occhi di tutti: rimane lì, tra coppie felici di calzini alla moda, nel fondo di un cassetto, in attesa che il suo gemello faccia ritorno. Ma a volte niente, il calzino spaiato ha buone probabilità che rimarrà tale per il resto della sua vita, senza più poter sentire il calore di un piede umano. Ma se gli dessimo la possibilità di ritrovare un senso?

È per questo che da un po’ di anni a questa parte il dramma del pedalino scoppiato si è trasformato nell’occasione buona per ricordarci che nessuno può essere lasciato solo e che tutti devono avere l’opportunità di vivere in un mondo sereno e colorato, in amicizia.

È quello che è alla base della Giornata mondiale dei calzini spaiati che si celebra ogni anno il primo venerdì di febbraio. Un modo per scherzarci e potete partecipare anche voi condividendo con gli altri il vostro personale dramma del calzino spaiato con l’hashtag #calzinispaiati.

Oggi indossate calzini diversi, ridate vita a quelli rimasti spaiati e soprattutto divertitevi con gli altri.

Per questa edizione, fanno sapere sulla pagina Facebook ufficiale dedicata a questa iniziativa, nelle scuole si parlerà di amicizia e rispetto, verranno usati i calzini spaiati in più modi.

Tra questi, il calzino che raccoglie messaggi di amicizia: il calzino spaiato di ogni bambino è appeso a un filo con il nome di ciascuno e ognuno può metterci dentro un disegno, una frase o una parola. Oggi venerdì 7 febbraio ogni bambino porterà a casa il proprio calzino che conterrà i messaggi di amicizia dei compagni della propria o di altre classi.

La Filastrocca Delle differenze

Tu non sei come me: tu sei diverso
Ma non sentirti perso
Anch’io sono diverso, siamo in due
Se metto le mie mani con le tue
Certe cose so fare io, ed altre tu
E messi insieme sappiamo far di più
Tu non sei come me: son fortunato
Davvero ti son grato

Fonti: La Giornata dei Calzini Spaiati / Maestra Mile

Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Gewiss

Joinon: le nuove colonnine di ricarica smart che si gestiscono via app

TuVali

+ di 100 corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ su TuVali.it

Coop

L’impegno di Coop nell’emergenza coronavirus

Izanz

Quanti e quali tipi di zanzare esistono in Italia?

Roma Motodays
Seguici su Instagram
seguici su Facebook