@ Alina Kruk/Shutterstock

Quanta acqua dovresti bere ogni giorno per una corretta idratazione?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il fabbisogno giornaliero di acqua dipende dall’età, secondo uno studio condotto in Germania. Ma come fare per rendere quella dell’idratazione un’abitudine quotidiana consolidata?

L’acqua è fondamentale per il nostro benessere: regola la temperatura del corpo, aiuta il trasporto dei nutrienti, favorisce il metabolismo; chi beve regolarmente è efficiente, produttivo e dispone di molte energie. Che facciate parte di quelle persone troppo pigre per bere, che si idratano solo quando hanno sete, o di quelle che hanno sempre con sé una bottiglietta d’acqua da cui attingere di tanto in tanto, la domanda è la stessa: quanta acqua bisogna bere al giorno? La risposta dipende da molti fattori – come età, patologie, stato di salute e tipo di lavoro o di attività svolti. (Leggi anche: 8 bicchieri di acqua al giorno? Inutili. Meglio integrare con frutta e verdura

Dimenticate quindi i famosi ‘due litri al giorno’ raccomandati dagli scienziati: i giovani e chi svolge un lavoro sedentario hanno una necessità d’acqua maggiore rispetto a bambini ed anziani, che devono bere meno acqua. La Deutsche Gesellschaft für Ernährung ha definito quindi delle linee guida su quanta acqua assumere al giorno in base all’età:

  • Bambini da 1 a 4 anni: 0,82 L/giorno;
  • Bambini da 4 a 10 anni: 0,97 L/giorno;
  • Ragazzi fino a 13 anni: 1,17 L/giorno;
  • Ragazzi fra 13 e 15 anni: 1,33 L/giorno.

Adolescenti e giovani hanno il più alto bisogno giornaliero di acqua, che diminuisce con l’avanzare dell’età adulta e della vecchiaia.

  • Ragazzi da 15 a 19 anni: 1,53 L/giorno;
  • Adulti da 19 a 25 anni: 1,47 L/giorno;
  • Adulti da 25 a 51 anni: 1,41 L/giorno:
  • Adulti da 51 a 65 anni: 1,23 L/giorno
  • Anziani over-65: 1,31 L/giorno.

Una eccezione è rappresentata dalle donne incinte e in allattamento: mentre le donne incinte hanno bisogno di un quantitativo di acqua che si attesta attorno all’1,47 L/giorno, le donne che allattano devono bere di più (1,7 L/giorno). Quelle proposte in questo studio, tuttavia, sono ovviamente delle quantità indicative: in caso di patologie, esigenze particolari o disturbi è sempre opportuno rivolgersi al proprio medico per capire di quanta acqua abbiamo bisogno. (LEGGI anche: Acqua: quanta berne, quando e con che residuo fisso?)

Ma come abituarsi a bere? Anziché tentare di bere grandi quantità di acqua tutte insieme, teniamo un bicchiere o una piccola bottiglia sempre a portata di mano (ad esempio, sulla scrivania mentre lavoriamo o studiamo): in questo modo assumeremo l’acqua a piccoli sorsi, quasi senza accorgercene; esistono anche app sul cellulare che possono aiutarci, con un suono o una campanellina, il bisogno di bere ogni tanto. Se non amiamo particolarmente l’acqua, possiamo anche assumere tisane non zuccherate, calde o fredde, durante la giornata. Succhi di frutta o bevande gassate (i cosiddetti soft-drinks) sono da evitare, in quanto ricchissimi di zuccheri, aromi artificiali e coloranti. Anche caffè e the nero contengono acqua e contribuiscono al fabbisogno idrico giornaliero, ma vanno consumati in moderata quantità (e rigorosamente senza zucchero).

Fonte: Deutsche Gesellschaft für Ernährung

Ti consigliamo anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook