Infarto: meno rischi se fai regolarmente la sauna

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Rischio di infarto minore con la sauna. Non solo più frutta ogni dì per salvare il nostro cuore, ma anche bagni a vapore per scongiurare le malattie cardiovascolari.

Un rimedio naturale che, tra l’altro aiuta ad espellere le tossine dal corpo e a facilita quindi la depurazione. Quindi, doppio risultato!

A sostenere il ruolo della sauna nella salvaguardia dello stato del nostro cuoricino è un gruppo di ricercatori (guarda caso) finlandesi della University of Eastern Finland di Kuopio, secondo i quali tale pratica, di almeno 20 minuti a sessione, sarebbe da associare a un tasso di mortalità per malattie cardiovascolari inferiore di circa la metà.

L’esperimento – Lo studio ha coinvolto 2.315 uomini di età compresa tra i 41 e i 60 anni residenti nella zona est della Finlandia, dove vige la tradizione di recarsi regolarmente in sauna. Durante i 21 anni di analisi si sono registrate 190 morti per arresto cardiaco improvviso, 281 per disturbi coronarici e 407 cardiovascolari. In totale, si sono verificati 929 decessi prematuri, legati sia a patologie cardiache o vascolari che ad altre cause.

Secondo i dati ottenuti, frequentare una sauna per due o tre volte a settimana riduce il rischio di mortalità per infarto e altra patologia a carico del cuore fino al 22%, mentre tra le quattro e le sette il rischio si ridurrebbe del 66%. Percentuali simili sono quelle riscontrate riguardo alle patologie coronariche, con percentuali rispettivamente del 23% (2-3 volte a settimana) e del 48% (da 4 a 7). Si passa a 27% e a un rischio dimezzato per le malattie cardiovascolari, mentre per la mortalità generale il rischio è ridotto del 24% e del 40%.

Inoltre, gli uomini che effettuavano saune di almeno 20 minuti avevano una riduzione del pericolo di mortalità del 52% rispetto a chi si tratteneva meno di 11 minuti. Ma qual è il meccanismo che realmente si innesca in un ciclo di bagni?

È questo un aspetto ancora da chiarire e ulteriori studi saranno necessari, dicono i ricercatori, per stabilire il meccanismo attraverso il quale si esprime il potenziale collegamento tra sauna e salute cardiovascolare.

Intanto, concediamocela qualche sessione di sauna, ma ricordatevi che se soffrite di pressione troppo bassa, siete incinte oppure avete disturbi cardio-circolatori o respiratori, non è consigliabile!

Germana Carillo

LEGGI anche:

7 strani rimedi naturali per non ammalarsi (sesso e caffè inclusi)

Sauna: 6 regole per ottenere il massimo dei benefici

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook