Negli hospice di Firenze porte aperte agli animali domestici per i malati terminali

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Chi ha scelto la compagnia di un animale domestico sa bene quanto la sua presenza nella propria vita possa fare la differenza. Ci fanno compagnia, ci aiutano a combattere la solitudine, lo stress, la depressione. Ecco perché negli hospice dell’Azienda sanitaria di Firenze diretti dal dottor Piero Morino gli animali d’affezione, cani o gatti che siano, possono entrare e stare con i loro padroni per rendere meno duro il distacco provocato dalla morte.

Un protocollo finalizzato alla gestione dell’accesso e alla permanenza all’interno della struttura di cani e gatti appartenenti al nucleo familiare dell’ospite è stato messo a punto all’hospice di San Felice a Ema, dove, insieme ai volontari della Fondazione italiana di leniterapia (File), l’esperto personale della Asl accompagna chi si trova nella fase terminale di una malattia inguaribile.

Il documento, alla cui stesura hanno collaborato Cristina Rossi della direzione infermieristica e il dottor Carlo Ciceroni del servizio di Sanità pubblica veterinaria, serve a fornire ad operatori e volontari le informazioni su come favorire questa compagnia, in tutta sicurezza per sé e per gli ospiti del centro.

Mette insomma nero su bianco una prassi che era in uso da tempo e che lo scorso anno consentì a un paziente delle Oblate di decidere serenamente di rinunciare alla dialisi pur di restare accanto al suo setter che gli era saltato sul letto. I tre hospice dell’azienda dispongono complessivamente di 31 posti letto ed hanno ospitato lo scorso anno circa 600 persone, per le quali si è cercato fino all’ultimo minuto di migliorare la qualità della vita.

Tutti hanno diritto a vedere chi più amano, soprattutto coloro che si trovano nella fase terminale di una malattia inguaribile. Queste persone vanno trattate con ogni mezzo idoneo, medico, assistenziale, psicologico, spirituale, e con tutto il supporto e l’assistenza possibili a dare pienezza e conforto in quel tempo residuo, per fronteggiare il dolore, la separazione, la morte ed il lutto. Compresa la possibilità di vedere l’amato animale. E la Asl di Firenze lo ha capito, così come hanno fatto poco tempo fa anche la Regione Emilia Romagna e il Comune di Prato.

Roberta Ragni

LEGGI anche:

Come il cane migliora la vita: 10 motivi per non farne più a meno

10 importanti lezioni di vita insegnate dagli animali domestici

Pet therapy: cani e gatti potranno far visita ai padroni negli ospedali dell’Emilia Romagna

Pet Therapy: a Prato via libera a cani e gatti nelle case di riposo e negli hospice

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Telepass

Telepass: quante emissioni fa risparmiare non fare la fila al casello?

Coripet

Meno plastica con le bottiglie realizzate in PET riciclato, Bottle to Bottle di Coripet premia te e l’ambiente

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook